in

Padova operai investiti da colata bollente di acciaio: 4 persone ustionate, due sono in fin di vita

Padova drammatico incidente in un’acciaieria: quattro operai oggi sono stati investiti da una colata bollente di acciaio, due di loro sarebbero in fin di vita con ustioni su 100% del corpo. La tragedia si è verificata in mattinata all’interno delle Acciaierie Venete, a Padova. I lavoratori sono stati investiti da un colata di materiale incandescente: oltre ai due gravissimi, anche un terzo operaio presenterebbe ustioni sul 70% del corpo ed è ricoverato a Verona. Un quarto, le cui condizioni sarebbero meno gravi, è stato trasportato all’ospedale Sant’Antonio.I due pazienti più gravi si trovano nei centri di Padova e Cesena.

Secondo le prime indiscrezioni emerse, l’incidente si sarebbe verificato a causa della rottura di alcuni supporti che sostengono i tubi nei quali scorre l’acciaio allo stato liquido. Secondo Il Gazzettino, contenevano 90 tonnellate di materiale. Il dramma poco prima delle 8 di oggi, 13 maggio. I vigili del fuoco sono intervenuti con 3 squadre nello stabilimento per l’incidente nel reparto fonderia, dove si è sviluppato un incendio innescato dalla fuoriuscita incontrollata di materiale fuso. Sul luogo della tragedia anche ambulanze e l’elisoccorso del Suem.

Potrebbe interessarti anche: Roma ragazzo di 25 anni trovato morto a Castel Madama: al collo ferita da arma da fuoco

Secondo quanto riferisce il quotidiano Il Mattino di Padova, i tre operai molto gravi sono Bratu Marian, nato in Romania e residente a Cadoneghe, che è stato portato in elicottero al centro grandi ustionati di Cesena. Vivian Simone, nato a Dolo ma residente a Vigonovo e Federic Gerard Di Natale nato in Francia e residente a Santa Maria di Sala. Questi ultimi due sono dipendenti della ditta di manutenzione Ayama.

Stipendio Polizia Penitenziaria 2018: quanto guadagna un agente? Le info utili (FOTO)

Consigli fantacalcio 9a giornata Serie A

Diretta Roma – Juventus: dove vedere in TV e web gratis la sfida di Serie A che assegna lo scudetto