di Valeria Panzeri in

I Paesi con gli stipendi più alti e quelli con gli stipendi più bassi del mondo


 

Forbes ha stilato la classifica dei paesi con gli stipendi più alti del mondo e quella dei più bassi

stipendi alti mondo

I PAESI CON GLI STIPENDI PIU’ ALTI DEL MONDO
Forbes ha stilato una doppia classifica al crepuscolo del 2016 rintracciando i 10 Paesi con gli stipendi più alti del mondo e i 10 con i più bassi. Partiamo dagli Stati paradisiaci che riescono a garantire ai propri lavoratori le migliori mensilità del pianeta; la classifica non potrà che sorprendervi positivamente in quanto la prevalenza di nazioni europee è sensibile e predominante. Soprattutto nelle zone calde. Decimo posto per la Gran Bretagna che si è ritagliata una condizione economica di tutto rispetto, al momento la sua economia ha tenuto ma bisogna attendere il prossimo biennio per valutare il reale impatto che Brexit avrà sull’economia del Paese. Nono posto per un’economia in continua espansione: gli Emirati Arabi Uniti, mentre all’ottavo si piazza l’Australia. La settima posizione è ricoperta dalla Svezia, mentre alla sesta fa capolino il Qatar. Quinto posto per l’efficientissima Germania, che negli ultimi anni vanta anche un tasso di disoccupazione bassissimo, mentre per un soffio viene esclusa dal medagliere la Norvegia, che si piazza quarta. Medaglia di bronzo per gli Stati Uniti, mentre per l’oro e l’argento si torna nuovamente in Europa. Secondo posto per la Danimarca e primo posto per la Svizzera.

I PAESI CON GLI STIPENDI PIU’ BASSI DEL MONDO
Veniamo ora con la classifica, molto meno trionfale, dei 10 Paesi che hanno gli stipendi più bassi del mondo. In questo caso la lista va dalla nazione con le remunerazioni più alte fino alla più bassa in assoluto, quindi stavolta il primo posto è tutt’altro che un podio ambito. Decimo posto per la Malaysia che annovera gli stipendi più alti della classifica, a scalare troviamo la Russia e all’ottavo posto la Bulgaria. Settimo posto per la Colombia mentre il sesto va al Kazakistan. L’emorragia economica peggiora sensibilmente nei primi 5 posti della classifica: Indonesia e Filppine restano per un soffio fuori da poco ambito podio piazzandosi rispettivamente al quinto e al quarto posto. Terza la Romania, secondo l’Egitto e primo posto il Vietnam. Alcune di queste nazioni evidenziano una fenomeno preoccupante –  su cui si è posto l’accento anche in l’Italia – ovvero la forbice sempre più abissale che si crea tra i pochi super milionari e i tantissimi medio poveri.

STIPENDI ALTI E STIPENDI BASSI NEL MONDO
Un altro elemento che balza vistosamente all’occhio è senza dubbio il forte sbilanciamento economico che investe l’Europa che compare nel podio sia in termine di stipendi più ricchi che di stipendi più poveri. Se il trend positivo investe principalmente i Paesi scandinavi, l’opposto si delinea per gli Stati europei che virano verso l’Asia. Il Sud Est Asiatico affolla la classifica e ne esce letteralmente con le ossa rotte. Unico elemento positivo di bilanciamento è sicuramente l’abissale diversità del costo della vita che permette un assorbimento dignitoso per coloro che vantano mensilità esigue.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro