in

Pamela scomparsa a Corridonia: è suo il cadavere smembrato chiuso nelle valigie trovate a Pollenza

Pamela Mastropietro scomparsa a Corridonia ultime notizie: è suo il corpo smembrato trovato questa mattina a Pollenza (Macerata) chiuso all’interno di due trolley. La tragica conferma dell’ipotesi paventata da alcune ore dagli investigatori impegnati nelle indagini è di questi minuti. La 18enne originaria di Roma e ospite della comunità di recupero ‘Pars’ di Corridonia, nelle Marche, aveva lasciato il centro lunedì 29 gennaio, portando via con sé poche cose, chiuse in un trolley rosso. Il suo cadavere fatto a pezzi, senza tracce di sangue e ripulito, è stato trovato questa mattina in un fossato tra Pollenza e la località Casette Verdini da un automobilista che si era insospettito vedendo le due valigie buttate in prossimità di una rotatoria.

Macerata, Pamela Mastropietro scomparsa a Corridonia: la terribile ipotesi sulla sua sorte

L’identità di quel cadavere smembrato è stata appurata a seguito dell’ispezione effettuata dal medico legale Antonio Tombolini e dalle indagini dei carabinieri di Macerata. Tutta l’area del ritrovamento era stata immediatamente interdetta e sottoposta a rilievi ed accertamenti. Tra le ipotesi al vaglio anche quella secondo cui i trolley contenenti il cadavere siano stati lanciati sul posto da un’auto in corsa. L’efferatezza di questo omicidio è sconvolgente: Tombolini ha parlato di un delitto seguito da un professionista, che avrebbe infierito per ore sul cadavere della giovane vittima. Pamela, secondo la prima ricostruzione, è stata uccisa e dopo denudata. Il cadavere smembrato, ripulito e chiuso nelle valigie.

pamela mastropietro scomparsa

I carabinieri hanno già acquisito le immagini di alcune videocamere situate nella zona del ritrovamento e lungo il percorso tra la comunità di Corridonia e Pllenza, nella speranza che dai filmati emergano indizi utili alle indagini. Particolare attenzione sarà riposta nei video delle telecamere di una villetta e di una azienda ubicate proprio vicino al punto in cui si trovavano le valigie contenenti il cadavere martoriato di Pamela. Già sentiti a sommarie informazioni i residenti della zona, i quali avrebbero riferito che i cani della villetta sopracitata avrebbero abbaiato incessantemente a partire dalle 23 di ieri sera, 30 gennaio. Forse è quello l’orario in cui il killer si è disfatto delle valigie. “Spero tanto che non sia lei”, aveva commentato la mamma di Pamela dopo il ritrovamento del cadavere, “Non ho alcuna idea del perché si sia allontanata dalla comunità e di quel che è accaduto. Vorrei che qualcuno mi spiegasse come ha fatto”.

cadavere dnna a grosseto identificato

Alda Albini trovata morta a Grosseto ultime news: cosa è emerso dalla autopsia, il mistero resta

silvio berlusoni stop campagna elettorale

Silvio Berlusconi news oggi: stop campagna elettorale per stress, ma lui smentisce