in ,

Paolo Ferrari è morto: lutto nel mondo del cinema e della televisione italiana

Lutto nel mondo del cinema e della televisione italiana: è morto a Roma Paolo Ferrari, grande attore di teatro, cinema e televisione. Aveva lavorato con registi come Blasetti, Zeffirelli e Petri. Fu anche un famoso doppiatore. Era nato a Bruxelles, il 26 febbraio 1929. Aveva 89 anni. Una vita vissuta giocando a recitare, attore di un’Italia tra due guerre, vissuta tra povertà, poi la ricrescita, quel bel paese che Paolo Ferrari ha rappresentato, partendo dalla radio, arrivando alla tv in bianco e nero, poi le prove tecniche di trasmissione, il colore. Per arrivare oggi, tra telefonini, computer, schermi giganteschi. A darne notizia è La Repubblica.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo del cinema con UrbanPost

Paolo Ferrari è morto: lutto nel mondo del cinema e della TV italiana

Paolo Ferrari è diventato popolarissimo negli anni sessanta recitando nelle pubblicità televisive del detersivo Dash. È stato uno dei protagonisti della fortunata serie televisiva Orgoglio, nella quale apparve in tutte e tre le stagioni. In questa produzione riveste il ruolo dell’orgoglioso marchese Giuseppe Obrofari, uno dei personaggi principali e capostipite della famiglia protagonista. Ha fatto parte del cast della soap opera Rai Incantesimo 9 e 10 dove ha recitato accanto a Delia Boccardo (Tilly Nardi) nel ruolo di Luciano Mauri. È stato poi protagonista nella parte del “pensionato” del serial televisivo di Rai 2: Disokkupati, in quaranta puntate, regia di Franza Di Rosa con Pier Francesco Loche, Sabrina Impacciatore, Adolfo Margiotta e Stefano Masciarelli del (1997). Nel 2006 ha vinto il Premio Gassman alla carriera. Nel 2008 torna ad essere testimonial pubblicitario e protagonista dello spot televisivo Dash, insieme all’attore Fabio De Luigi come “suo angelo custode”. Nel 2011 è nel cast della miniserie TV in due puntate Notte prima degli esami ’82.

Paolo Ferrari è morto: la filmografia

Ecco tutta la filmografia completa di Paolo Ferrari:

Cinema

  • Ettore Fieramosca, regia di Alessandro Blasetti (1938)
  • Kean, regia di Guido Brignone (1940)
  • Odessa in fiamme, regia di Carmine Gallone (1942)
  • I pagliacci, regia di Giuseppe Fatigati (1943)
  • Gian Burrasca, regia di Sergio Tofano (1943)
  • Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
  • Una lettera all’alba, regia di Giorgio Bianchi (1949)
  • Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
  • Totò cerca pace, regia di Mario Mattoli (1954)
  • Il conte Aquila, regia di Guido Salvini (1955)
  • Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
  • Camping, regia di Franco Zeffirelli (1958)
  • Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
  • Rascel marine, regia di Guido Leoni (1958)
  • Gambe d’oro, regia di Turi Vasile (1959)
  • La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
  • Appuntamento a Ischia, regia di Mario Mattoli (1960)
  • Le signore, regia di Turi Vasile (1960)
  • Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D’Anza (1961)
  • Mariti a congresso, regia di Luigi Filippo D’Amico (1961)
  • Akiko, regia di Luigi Filippo D’Amico (1961)
  • Copacabana Palace, regia di Steno (1962)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
  • I Don Giovanni della Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1962)
  • I giorni contati, regia di Elio Petri (1962)
  • Le voci bianche, regia di Pasquale Festa Campanile (1964)
  • Su e giù, regia di Mino Guerrini (1965)
  • Lo scippo, regia di Nando Cicero (1965)
  • Il morbidone, regia di Massimo Franciosa (1966)
  • Pronto… c’è una certa Giuliana per te, regia di Massimo Franciosa (1967)
  • Mano di velluto, regia di Ettore Fecchi (1967)
  • Jacqueline e gli uomini, regia di Jacques Pinoteau (1967)
  • Io, Emmanuelle, regia di Cesare Canevari (1969)
  • Noi siam come le lucciole, regia di Giulio Berruti (1976)
  • Tutti gli anni una volta l’anno, regia di Gianfrancesco Lazotti (1993)
  • Da cosa nasce cosa, regia di Andrea Manni (1997)
  • Manuale d’amore 3, regia di Giovanni Veronesi (2011)
  • Teresa Manganiello, sui passi dell’amore, regia di Pino Tordiglione (2012)

Televisione

  • Un uomo sull’acqua, regia di Mario Ferrero (1955)
  • La medicina di una ragazza malata (1955)
  • Mont Oriol, di Claudio Fino (1958)
  • Giallo club. Invito al poliziesco, episodio Sedici ore per non morire, regia di Stefano De Stefani (1959)
  • Il cuore e il mondo, regia di Mario Landi (1959)
  • Il giornalino di Gian Burrasca, regia di Lina Wertmüller (1964-1965), sceneggiato
  • L’ippocampo, regia di Franco Enriquez (1966)
  • Serata al Gatto Nero, regia di Mario Landi (1973), sceneggiato
  • Accadde a Lisbona, regia di Luigi Lunari (1974), sceneggiato
  • Nero Wolfe (1969-1971)
  • Quei trentasei gradini (1984)
  • Disokkupati (1997)
  • Non lasciamoci più, regia di Vittorio Sindoni, prima e seconda stagione (1999-2001)
  • Don Luca, regia di Giorgio Vignali, (2000)
  • Orgoglio, prima, seconda e terza serie
  • Incantesimo 9- 10, soap opera (2007-2008)
  • Ho sposato uno sbirro 2, episodio Vecchio conio (2010)
  • Fratelli Benvenuti, regia di Paolo Costella (2010)
  • Notte prima degli esami ’82 (2011)
  • Beyond the Mystery, regia di Franco Fraternale (2011)

Bonus Casa 2018 news: quali novità? Tutto su ristrutturazioni e detrazioni (GUIDA COMPLETA)

Roma Emergenza Rifiuti

Grande Fratello 2018 news, Maurizio Costanzo durissimo: “È una discarica”