in ,

Parkour sui tetti di Venezia, il freerunner Pavel Petkuns salta tra ponti e gondole

Una sfida mai tentata prima, portare il parkour in un contesto urbano unico al mondo: Venezia.
Questa l’idea alla base di “Chasing Love in Venice”, la clip prodotta da Red Bull (clicca qui per il video) con Tapeless Film, che ha realizzato qualcosa di mai visto prima nel mondo del parkour. Protagonista il freerider lettone classe 1992 Pavel Petkuns, tra i più forti al mondo grazie alle sue doti tecniche e atletiche, che ha accettato la sfida di saltare tra le barche e le gondole veneziane. Uno scenario completamente nuovo per un atleta di una disciplina abituata a riferimenti geometrici standard, e che qui si trova di fronte alle calli strette e popolate della città dell’amore, ma soprattutto di fronte all’acqua dei suoi canali.

Pavel Petkuns parkour

Pasha The Boss e la sua fidanzata si trovano a Venezia in occasione della Festa del Redentore- insieme alle migliaia di turisti che affollano la città-  quando il freerunner sporgendosi dal vaporetto cade in acqua mentre l’imbarcazione si allontana con a bordo la sua amata. Inizia così una rincorsa serrata attraverso alcuni degli scenari più suggestivi del capoluogo veneto: piazza San Marco, la Libreria Acqua Alta e Punta della Dogana, solo alcune delle location che hanno fatto da sfondo a questa pellicola senza tempo.

Pavel Petkuns parkour

È così che a tutte la sue capacità per superare continui ostacoli, come le numerosi calli, i trafficati canali veneziani, sfruttandoli a suo vantaggio saltando da una barca all’altra. Come ogni favola anche questa non poteva che avere un lieto fine. I due amati si ritrovano giusto in tempo per assistere agli indimenticabili fuochi d’artificio che, ogni anno la notte del 14 luglio, incorniciano la bellissima Venezia.

Foto credits Jaanus Ree / Red Bull Content Pool

Alessia Macari dimagrita: periodo nero per la ‘Cioci’, ecco com’è oggi

Rimborso 730

Rimborso 730 in busta paga: come ottenerlo e quando arriva? Ecco le linee guida