in

Parma: madre 30enne tenta di strangolare la figlia di un anno, arrestata

Orrore a Parma dove una giovane madre avrebbe tentato di strangolare la figlia di appena un anno. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la donna aveva la figlia in braccio e con la canottiera che la piccola indossava avrebbe cercato di toglierle la vita strangolandola. È successo a Parma nella serata di giovedì 3 maggio, ma se ne è avuta notizia solo in queste ore. La donna, 30enne di nazionalità nigeriana, come riporta La Gazzetta di Parma, è stata arrestata.

Ad accorrere sul posto le forze dell’ordine dopo che diverse persone avevano segnalato  la presenza di una donna che gridava per strada. La madre e la figlia infatti sono state trovate in strada dalla pattuglia subito accorsa in loco.La 30enne, sempre secondo le indiscrezioni sarebbe stata in condizioni di grande alterazione quando gli agenti sono intervenuti. I militari avrebbero inizialmente cercato di calmarla, convincendola ad andare in casa. Ma lì la donna avrebbe continuato a fare discorsi animati ed esagerati, così gli agenti hanno deciso di chiamare il 118.

Potrebbe interessarti anche: Roberta Ragusa news: Antonio Logli parla prima della sentenza e dopo anni di silenzio

PARMA MADRE TENTA DI STRANGOALARE FIGLIA DI UN ANNO

Mentre stavano aspettando l’ambulanza, si sarebbe verificato l’impensabile: secondo la ricostruzione “con un gesto improvviso la nigeriana ha tolto la canottiera alla piccola e gliel’ha attorcigliata intorno al collo”. Nonostante la resistenza della donna, che ha morso ad una mano un agente, i poliziotti sono riusciti a strapparle la piccola dalle mani e ad affidarla al padre. La bambina ha riportato diverse escoriazioni giudicate guaribili in 5 giorni. La donna arrestata è incensurata; dovrà rispondere di tentato omicidio.

Concorso Ministero Economia e Finanze 2018 requisiti e prove: 400 posti disponibili, scadenza domande sempre più vicina

Elezioni a luglio 2018, Rotondi (FI): «Vincerà M5S, il nostro elettorato va al mare»

Governo news, Salvini dopo le consultazioni: “Pronti a metterci a lavoro, il centrodestra rappresenta gli italiani”