in

Parto, le frasi più assurde: “Non ti avvicinare a me prima di fare la vasectomia”

Il dolore causato dal parto si dice sia uno dei più acuti che si possa provare. E nel picco della sofferenza, possono scappare frasi ingiuriose che mai si direbbero a mente lucida. Un forum inglese sul sito Mumsnet ha voluto raccogliere le più curiose e divertenti urlate dalle donne in sala parto, mentre aspettavano che il pargolo si decidesse ad uscire. In quei momenti viene fuori proprio di tutto, da parole compromettenti a vere e proprie allucinazioni.

Sul forum si legge di una madre che, inviperita contro il marito, gridava “Non avvicinarti mai più a me prima di aver fatto la vasectomia“. Un modo per stare al sicuro e non dover ripetere un’esperienza così traumatica. Un’altra mamma ha urlato preoccupata che gli stava cadendo il sedere…ma si trattava semplicemente del nascituro. Altre hanno tirato fuori il loro passato di droghe leggere e non, anche in presenza dei loro genitori. “Questo è meglio della cannabis” o “Uao, è come fumare l’erba“, frasi riferite agli effetti del gas esilarante inalato.

Una signora si è scagliata contro un innocente James Blunt, che dalla radio le cantava ‘You’re Beautiful’, incalzando il marito di “mandarlo affanc… che gli stava disturbando la respirazione“. C’è poi un discreto gruppo di neo mamme che è stato colto da allucinazioni varie ed eventuali. Una ha zittito l’infermiera, colpevole, secondo lei, di stare cantando, quando la poveretta era in religioso silenzio. Un’altra vedeva animali da cortile aggirarsi per la sala parto, un’altra ancora era infastidita dal suono di un’inesistente cornamusa. Infine, una donna si è scagliata contro la scadente fattura della vagina: “E’ stata progettata male, l’avrà sicuramente fatta un uomo. C’è bisogno di farmaci e vagine migliori.” Chapeau.

photo credit: ::: M @ X ::: Vamos que ya sale! via photopin (license)

studente italiano morto a valencia

Studente trovato morto a Valencia, seconda autopsia esito: emerso dettaglio importante che riapre il caso

Non è un paese per giovani recensione

Non è un Paese per Giovani recensione: da Veronesi ci si aspettava di meglio