di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Ape e Quota 41 per i precoci operatività dal 1° maggio 2017


 

Governo e sindacati si incontreranno ancora una volta per fare il punto sull’Ape sociale e la quota 41 per i lavoratori precoci con l’obiettivo di rendere operative queste misure entro il 1° maggio 2017

pensioni 2017 Ape, Opzione Donna Pensione giovani

Pensioni 2017 news: Ape e Quota 41 confronto tra Governo e sindacati

Al Ministero del Lavoro riprende il dialogo tra Governo e sindacati sull’Anticipo pensionistico nelle sue tre forme, volontaria, sociale e aziendale e sulla pensione con la Quota 41 per i lavoratori precoci. La fase attuativa delle misure previdenziali contenute nella legge di Bilancio 2017 si rende necessaria per dare operatività ai provvedimenti della riforma delle pensioni e per dare il via alla fase 2, partendo dai risultati conseguiti con queste prime misure. Governo e sindacati faranno in particolare il punto sui requisiti di accesso alle diverse misure che andranno a costituire il contenuto degli attesi Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri. Questi decreti devono essere elaborati entro il 2 Marzo.

Pensioni 2017 news: Anticipo pensionistico per lavoratori dipendenti e autonomi

Per quanto riguarda l’Ape la partenza della misura è prevista dal 1° maggio 2017, consentendo a tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli del pubblico impiego e agli autonomi, tranne gli iscritti alle casse professionali di chiedere il prestito previdenziale così da uscire dal lavoro tre anni prima del conseguimento dei requisiti della pensione di vecchiaia che restano invariati. Questa misura è stata introdotta in forma sperimentale per due anni fino al 31 dicembre 2018. Per poter accedere all’Ape volontario sono necessari 63 anni di età e almeno 20 anni di contributi, con una pensione dell’importo minimo di 765 euro al mese, cioè 1,4 volte il trattamento minimo. Se le aziende sono interessate a questa forma di uscita anticipata dei propri dipendenti possono incentivarla, partecipando al versamento dei contributi all’Inps per far aumenta la futura pensione del lavoratore così da limitare il costo della restituzione del prestito pensionistico.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 20017 news: Ape sociale e Quota 41

L’anticipo pensionistico è stato introdotto anche nella cosiddetta forma social cioè con i costi di restituzione del prestito a carico dello Stato, così da non determinare nessuna decurtazione della effettiva pensione dei lavoratori che avranno diritto ad accedervi. L’Ape social riguarda quattro categorie di lavoratori più bisognose di tutela: “Disoccupati a seguito di licenziamento con esaurimento da oltre 3 mesi degli strumenti di sostegno al reddito; invalidi con una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 74%; lavoratori che al momento della richiesta della prestazione, assistono da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità; lavoratori che svolgono da almeno sei anni in via continuativa mansioni particolarmente difficoltose o rischiose ricomprese in 11 professioni indicate nella legge di bilancio”. Anche questa misura partirà dal 1° maggio 2017 e costituirà un sussidio di “accompagnamento alla pensione” calcolato sulla futura pensione fino a un massimo di 1.500 euro lordi al mese. I lavoratori che avranno una pensione superiore a questo limite potranno richiedere per la rimanente parte l’Anticipo in forma volontaria, L’altro requisito di accesso all’ape social è il tetto contributivo minimo di 30 anni o di 36 nel caso si sia addetti a lavori gravosi o rischiosi. L’altro limite è costituito da un numero di accessi limitato sulla base dello stanziamento annuale previsto in bilancio. Le stesse categorie di lavoratori che hanno diritto all’accesso del beneficio dell’Ape sociale nel caso in cui abbiano raggiunto i 41 anni di contributi e se ne hanno maturato almeno 12 mesi prima del 19° anno di età, potranno accedere al pensionamento anticipato con la Quota 41 adottata per questa limitata platea riconosciuta come lavoratori precoci.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook