di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Ape social strutturale e ampliato alle donne, risorse permettendo?


 

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, al termine dell’ultimo incontro con i sindacati ha precisato che sul fronte delle risorse il sentiero è stretto, si farà il punto della situazione dopo il Def. Intanto si consolida l’ipotesi di rendere strutturale l’Ape social e di ampliarlo alle lavoratrici madri

Pensioni 2017 news: Ape social strutturale e ampliate alle donne, risorse permettendo?

Pensioni 2017 news: Ape social strutturale e ampliato alle donne-madri, risorse permettendo?

Al termine dell’incontro di oggi tra Governo e sindacati, sul tema delle pensioni, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha dichiarato: “A valle dell’approvazione della Nota di aggiornamento del Def, che determinerà le entità a disposizione nella Legge di Bilancio, ci incontreremo per fare un punto definito avendo chiaro il quadro. Il lavoro è positivo, ma come dice Padoan abbiamo di fronte un sentiero stretto”. I sindacati nei prossimi giorni stileranno un documento con le loro proposte che presenteranno al Governo. Il nuovo incontro dovrebbe tenersi nella prima settima del mese di ottobre. Il ministro Poletti ha anche precisato che la questione della stabilizzazione dei conti dell’Inps: “Sarà affrontato nella Legge di Bilancio, ne abbiamo discusso e credo che sia nell’ordine del cose”, aggiungendo: “È all’ordine del giorno, ma c’è una discussione in Parlamento e siamo nelle condizioni di lavorare con il Parlamento perché il tema possa esse affrontato”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape social strutturale e ampliate alle donne, risorse permettendo?

Lo stesso ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, durante il question time alla Camera, ieri aveva dichiarato che l’Ape social, l’Anticipo pensionistico pensato per le categorie di lavoratori più disagiate, potrebbe essere ampliata alle lavoratrici madri e potrebbe diventare strutturale. Attualmente questo trattamento previdenziale è previsto in forma sperimentale, con un assegno fino a 1.500 euro per lavoratori che hanno compiuto 63 anni di età, disoccupati, invalidi, lavoratori con disabili a carico e addetti ad attività gravose. Il ministro Poletti ha spiegato che verrà effettuato: “Un monitoraggio della spesa, cui provvederà una conferenza dei servizi nei prossimi giorni”. Dopo, aveva aggiunto Poletti: “Si farà una prima valutazione tecnica, anche rispetto alla possibilità di dare stabilizzazione allo strumento di anticipo pensionistico”.

Pensioni 2017 news: Ape social strutturale e ampliato alle donne, risorse permettendo? Ultime news

Dalle prime reazioni dei sindacati, traspare molta insoddisfazione sulle risposte ricevute dal Governo in merito alle richieste dei sindacati. Ivan Pedretti, segretario generale Spi-Cgil, ha pubblicato un post sulla propria bacheca Facebook in cui scrive: “Il confronto sulle pensioni prosegue. Oggi pomeriggio ci siamo visti al Ministero del Lavoro ma dal governo non abbiamo ancora avuto risposte chiare sui temi che sono sul tavolo. Per questo procederemo nei prossimi giorni a convocare assemblee di lavoratori e pensionati in tutti i territori. E se necessario ci prepareremo unitariamente alla mobilitazione per portare il governo a rispondere positivamente alle nostre richieste”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook