di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Ape sociale risorse e graduatorie, la Cgil chiede più fondi


 

La Cgil chiede al Governo di mantenere gli impegni sull’Ape sociale e di aumentare le risorse stanziate

Pensioni 2017 news: riforma a rischio per scontro sul Def

Pensioni 2017 news: Ape sociale risorse e graduatorie, la Cgil chiede più fondi

 

Il decreto attuativo dell’Ape sociale firmato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni riguarda una misura previdenziale di grande importanza tra quelle adottate con la riforma delle pensioni adottata con la legge di Bilancio 2017, ma ancora non è stato reso noto poiché non è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e non son chiari alcuni nodi di grande rilevanza, come i criteri per formare la graduatoria di accesso rispetto alle richieste presentate dai lavoratori e il relativo stanziamento. In un’intervista rilasciata a RadioArticolo1, quotidiano online della Cgil, Fulvia Colombini, componente del collegio di presidenza dell’Inca-Cgil, ha espresso alcune preoccupazioni rispetto a questi punti ancora non definiti. L’esponente della Cgil chiede che al più presto si definiscano le problematiche relative ai tempi e ai fondi., anche perché se si vuole rispettare la scadenza del 1° maggio per rendere operativa la misura dell’Ape sociale i margini sono molto piccoli.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Ape sociale risorse e graduatorie, la Cgil chiede più fondi

Infatti dopo la pubblicazione del decreto attuativo nella Gazzetta Ufficiale l’Inps dovrà emanare le relative circolari per consentire la presentazione della domande per usufruire del beneficio di accesso a questa forma atipica di pensionamento anticipato. Fulvia Colombini ha anche sottolineato la questione delle risorse poiché: “Le domande potranno essere presentate dal primo maggio al 30 giugno, poi l’Inps stilerà una graduatoria e ne accetterà di nuove solo se rimarranno disponibili risorse dai 300 milioni stanziati. Se invece saranno esauriti, tutti gli altri passeranno all’anno successivo”. Ricordiamo che per l’Ape sociale lo stanziamento è fino a u massimo di 300 milioni nel 2017 e di 609 milioni per il 2018 e nella legge di Bilancio è stato definito che nel caso in cui il numero di domande superi la copertura finanziaria indicata si attuerà “un differimento della decorrenza dell’indennità”.

Pensioni 2017 news: Ape sociale risorse e graduatorie, la Cgil chiede più fondi

Il tema è quindi come dovrà essere formata l’eventuale graduatoria di accesso, secondo notizie ancora non ufficiali il criterio dovrebbe essere riferito all’anzianità anagrafica del lavoratore richiedente. L’Inps però potrebbe elaborare le domande presentate prima e così assicurare l’erogazione dell’indennità anche se non è chiaro se ci potrà essere una priorità presentando la domanda per l’Ape nel primo periodo che fa dall’inizio di maggio al 30 giugno o se ci siano dei paletti rispetto all’invio della domanda stessa. Fulvia Colombini che la Cgil chiede con forza al Governo di reperire più risorse per l’Ape sociale: “La legge di bilancio di fine anno potrebbe cambiare le cose, ma su questo ci batteremo affinché il governo mantenga l’impegno assunto al tavolo con i sindacati. Anzi, chiederemo di aggiungere ulteriori risorse”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook