di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Ape sociale e Rita al via dal 1° maggio, ecco i primi dettagli


 

Ape sociale e Rita al via dal primo maggio. Nel frattempo arrivano i primi dettagli sulle due misure che caratterizzano la riforma delle pensioni approvata con l’ultima legge di Bilancio

Pensioni anticipate con sconti per le donne e mansioni gravose

A partire dal 1° maggio 2017 i lavoratori interessati e che sono in possesso dei requisiti richiesti dalla legge potranno fare richiesta di accesso all’Ape sociale, che garantisce un reddito ponte fino alla decorrenza della pensione di vecchiaia. Il reddito è basato su un prestito pensionistico, il cui costo, in particolare nel caso dell’Ape sociale diretta alle fasce di lavoratori in stato di disagio, è totalmente a carico dello Stato. L’altra misura inserita nella recente riforma delle pensioni è Rita, Rendita integrativa temporanea anticipata, per quei lavoratori che abbiano compiuto 63 anni di età e che abbiano già aderito alla previdenza complementare e potrebbero ricevere in anticipo una parte della pensione integrativa che andrebbe a compensare i costi dell’Ape, riducendo il prestito pensionistico bancario.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Su queste due misure arrivano i primi chiarimenti dalla Fondazione studi dei consulenti del lavoro che hanno pubblicato un Approfondimento contenente delle schede “Sulla natura, sul funzionamento e la convenienza delle due misure in attesa dei Decreti del Presidente del Consiglio, delle Circolari INPS e del materiale informativo delle forme di previdenza complementari”. L’Anticipo pensionistico anche conosciuto come “Anticipo finanziario e garanzia pensionistica” approvato con la legge di Bilanci 2017 è stato accompagnato anche dall’altra misura che si pone obbiettivi simili ma con modalità di finanziamento diverse.

Entrambe le due misure sono state pensate in via sperimentale fino alla fine del 2018 e non vanno a modificare la legge Fornero selle pensione, ma perseguono l’obiettivo di porsi come sostegno economico al reddito dei lavoratori in modo complementare rispetto a misure come la Naspi.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook