di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: esodati e Opzione Donna, no al cumulo, Governo ricorre alla fiducia


 

In Commissione Bilancio della Camera non passa l’estensione del cumulo gratuito dei contributi versati ai fini del raggiungimento dell’anzianità contributiva per accedere alla pensione, delusione e amarezza tra i lavoratori. Il Governo si avvia verso la richiesta de voto di fiducia alla legge di Bilancio

Pensioni 2017 no al cumulo, Governo ricorso alla fiducia

Pensioni 2017 news: esodati e Opzione Donna, no al cumulo, Governo ricorre alla fiducia

La Commissione Bilancio della Camera ha dato il via libera al Disegno di legge di Bilancio, che a partire dalle ore 21 di questa sera passerà all’esame dell’Aula. Riguardo al capitolo della riforma delle pensioni serpeggia molta amarezza e delusione tra i lavoratori che fino all’ultimo hanno sperato nell’approvazione dell’emendamento che avrebbe consentito l’estensione del cumulo gratuito dei contributi versati dagli esodati e dalle lavoratrici aderenti al regime agevolato Opzione Donna.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: esodati e Opzione Donna, no al cumulo, Governo ricorre alla fiducia

Dopo i lunghi lavori notturni della Commissione, i lavoratori si aspettavano l’estensione dell’istituto del cumulo gratuito per i contributi versati in casse diverse durante la loro vita lavorativa, che invece non è arrivata. Le reazioni di critica sui vari gruppi social dei lavoratori, per lo più prossimi alla pensione, sono già centinaia e si attende ora di conoscere le motivazioni che hanno portato la Commissione a prendere tale decisione. A causa della mancata approvazione del cumulo gratuito, molti lavoratori con carriere discontinue o che hanno semplicemente versato, per via di altre vicissitudini, in casse previdenziali differenti, vedranno allontanarsi la possibilità di accedere alla pensione.

Pensioni 2017 news: esodati e Opzione Donna, no al cumulo, Governo ricorre alla fiducia

Fonti parlamentari fanno sapere che: “Il Governo ricorrerà allo strumento della fiducia, presentando un maxiemendamento comprensivo delle modifiche adottate dalla Commissione. Se non ci saranno ulteriori rinvii, domani 21 dicembre la manovra verrà trasmessa dalla Camera al Senato per la sua terza lettura, con l’obiettivo di arrivare al via libera definitivo entro sabato 23 dicembre”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook