di Maria Concetta Distefano in , , ,

Pensioni 2017 news: lavoratore denuncia all’Inps il mancato riconoscimento dell’apprendistato [INTERVISTA]


 

Ecco la denuncia all’Inps di un lavoratore circa il mancato riconoscimento della formazione professionale in apprendistato adolescenziale: “I danni per i lavoratori sono innumeroveli, chiediamo all’Inps l’applicazione della normativa”

Pensioni 2017 Opzione Donna sostegno per la proroga da Sinistra italiana

Qualche giorno fa ci siamo occupati della denuncia di un lavoratore Giuseppe Sorrentino che ci ha scritto circa il mancato riconoscimento giuridico da parte dell’Inps della formazione professionale in apprendistato adolescenziale. Abbiamo raggiunto questo lavoratore per intervistarlo, anche in considerazione della nuova normativa sul cumulo gratuito dei periodi contributivi versati in gestioni separate di cui questi lavoratori che hanno iniziato a lavorare molto presto non possono usufruire.

Signor Giuseppe Sorrentino lei ci ha scritto sollevando il problema del mancato riconoscimento giuridico, da parte dell’Inps, della formazione professionale in apprendistato adolescenziale, L’Inps vi ha risposto in merito?
“Si l’INPS ha risposto nel merito e nel contenuto, negando tale accredito contributivo previdenziale, con motivazioni sbagliate, fuorvianti e non di pertinenza della formazione professionale in apprendistato industriale, cosa ben diversa all’apprendistato artigiano, che si avvale di normativa e procedura di certificazioni diverse e per autorizzazioni ministeriali. Creando una confusione tra formazione professionale in apprendistato industriale con quello artigiano, per periodi formativi e autorizzazioni e di rilascio delle certificazioni di qualifica conseguita”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!
Quali danni sono derivati per i lavoratori a cui non è riconosciuta tale contribuzione?
“I danni causati dal mancato riconoscimento della formazione professionale in apprendistato sono innumerevoli, possiamo elencarli in danni contributivi, con 2/3 anni di mancati accrediti contributi IVS, mancato accredito dei periodi di disoccupazione, allungamento dell’età lavorativa, vedi riforma Fornero, aspettativa di vita, danni economici, mancato accesso alla pensione per raggiunti limiti contributivi, pensione di importo inferiore, maggiore costo contributivo per eventuale prosieguo lavorativo rispetto al periodo dell’apprendistato, costi per procedure giuridiche legali, danni morali per scortesie e offese verbali e dinieghi di accesso agli atti dell’ENTE AZIENDA formatrice CIFAP”.

Cosa chiedete all’Inps?
All’Inps chiediamo il rispetto della normativa sull’APPRENDISTATO ADOLESCENZIALE per periodo PREGRESSO e non prescrivibile in quanto tale contribuzione è stata già versata a suo tempo da parte dello Stato all’INPS in modo forfettario non nominativo e per tutta la platea degli apprendisti per anni di riferimento e per le agevolazioni e di contribuzioni e per sgravi contributivi. Non elemosiniamo niente rivendichiamo i diritti dei lavoratori, anche per chi ci ha lasciato e per i loro cari che ricevono un importo di pensione di reversibilità inferiore”.

Le azioni giudiziarie che avete avviato quanti lavoratori riguarda?
“Le azioni giudiziari avviate con procedimenti già incardinati e avviati in primo grado e in appello sono stati avviati presso il Tribunale di Salerno sez. lavoro . Le prime due azioni giuridiche riguardano il Sig . Sorrentino Giuseppe e il Sig. Palumbo Gennaro. Altri procedimenti saranno avviati verso fino Maggio a causa delle risposte che l’ INPS invia in circa 90 giorni e si potrebbero quantificare in altre 6/8 procedimenti”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook