di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: pensione anticipata, Ape e Quota 41, quanto manca all’avvio?


 

Pensione anticipata con Ape e Quota 41, quanto manca all’avvio delle due misure?

Pensioni 2017 news: riforma pensioni, governo porta due nuove proposte, dettagli e reazioni dei sindacati

Pensioni 2017 news: Ape e Quota 41 quanto manca all’avvio?

La riforma delle pensioni 2017, approvata con l’ultima legge di Bilancio, contiene l’importante novità di permettere la pensione anticipata attraverso l’Ape e la Quota 41. Sulla carta queste due misure, con le loro diverse declinazioni soprattutto per quanto riguarda l’Ape, sarebbero dovute partire tutte dal 1° maggio 2017, ma al momento il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato il decreto attuativo solo per l’Ape sociale che ora dovrà essere approvato dal Consiglio di Stato ed entrerà in vigore in seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ma con l’avvicinarsi del 1° maggio si fa forte il rischio che i decreti attuativi non siano completi e che quindi si possa verificare uno slittamento per la partenza delle misure, soprattutto per quanto riguarda l’Ape volontaria e la Quota 41. In merito all’Ape volontaria, il consigliere economico di Palazzo Chigi, Marco Leonardi, ha anticipato che la misura potrebbe avere tempi più lunghi del previsto in quanto mancherebbero da definire ancora diversi elementi tra cui alcuni regolamenti e le convenzioni con le banche e le assicurazioni, fondamentali per l’erogazione del prestito pensionistico, necessario per accompagnare i lavoratori all’età pensionabile.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Quota 41, beneficiari e requisiti

Alla Quota 41 possono avere accesso i lavoratori precoci che hanno maturato i requisiti richiesti dalla legge, cioè 41 anni di contributi versati, senza limitazioni anagrafiche, ma con 12 mesi di lavoro effettivo svolto prima del compimento del 19° anno di età. La recente riforma delle pensioni non fa distinzioni tra lavoratori del settore privato e del settore pubblico, possono accedere alla pensione anticipata con la Quota 41 i lavoratori dipendenti e non, infatti la misura ha come destinatari i lavoratori autonomi disoccupati che abbiano subito licenziamento, coloro che hanno un grado di invalidità superiore al 74%, quelli che assistono un familiare disabile, i lavoratori addetti alle cosiddette attività usuranti.

Pensioni 2017 news: Ape sociale requisiti per presentare la domanda

I lavoratori che possono accedere all’Ape sociale devono avere compiuto 63 anni di età e avere versato almeno 30 anni di contributi, se versano attualmente in stato di disoccupazione e non sono percettori di indennità di ammortizzatori sociali da almeno tre mesi. La perdita del lavoro non può essere avvenuta in seguito a licenziamento per giusta causa o per dimissioni senza giustificato motivo, invece, è accettata la risoluzione consensuale del contratto di lavoro qualora ricorra un giustificato motivo oggettivo. All’Ape sociale possono accedere anche gli invalidi civili con un grado d’invalidità di almeno il 74% e i lavoratori che si trovano ad assistere un familiare che versa in gravi condizioni di salute. Inoltre possono fare domanda per l’Ape social anche i lavoratori impegnati da almeno 6 mesi in attività usuranti. In base alle ultime notizie il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha confermato come data di inizio per inviare le domande il prossimo 1 maggio. L’Inps, dal canto suo, con in testa il presidente Tito Boeri ha fatto sapere che tutti i sistemi sono pronti per accogliere e valutare le domande dei lavoratori interessati, si aspetterebbe solo il via libero da parte del Governo.

Foto in apertura pixabay.com stevepb

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook