di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Quota 100 che non escluda la Quota 41, ecco le richieste dei precoci


 

I lavoratori precoci chiedono che con la Quota 100 si porti avanti anche la Quota 41, per evitare di penalizzare ancora una volta la loro categoria

Pensioni 2017 news: Opzione Donnna ed esodati, c'è il cumulo tra gli emendanti

Pensioni 2017 news: Quota 100 che non escluda la Quota 41, ecco le richieste dei precoci

La proposta di pensionamento anticipato con la cosiddetta Quota 100, che si otterrebbe sommando gli anni di contributi versati e l’età anagrafica, già portata avanti dal presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, nel suo disegno di legge 857, presentato nel 2015, nei giorni scorsi è stato rilanciato dalla Confsal, una confederazione di sindacati autonomi, che ha lanciato: “Una raccolta firme in sostegno del disegno di legge contenente anche il suo ritorno”. A giudizio di questa confederazione sindacale la Quota 100 rappresenta: “Un perfetto equilibrio tra tutte le varie opzioni in fatto di pensione anticipata”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

Pensioni 2017 news: Quota 100 che non escluda la Quota 41, ecco le richieste dei precoci

Con questa soluzione si potrebbe efficacemente affrontare il nodo di un sistema pensionistico più flessibile sul versante dell’uscita dal lavoro e ad esempio i lavoratori che hanno compiuto 62 anni di età e versato 38 anni di contributi o 63 e 37 o ancora 64 e 36 potrebbero ottenere il pensionamento anticipato. Tuttavia su questa proposta non tutti concordano, a partire dai lavoratori precoci, cioè quei lavoratori che hanno cominciato a lavorare in giovanissima età e già intorno ai 60 anni hanno carriere lavorative quarantennali o più e da tempo reclamano con forza la Quota 41, cioè la possibilità di ottenere la pensione anticipata dopo il versamento di 41 anni di contributi senza alcun limite di età anagrafica. Nella scorsa legge di Stabilità la Quota 41 è stata concessa solo a una limitata parte della platea dei precoci che erano in possesso di alcuni requisiti per cui rientravano in alcuni specifici profili di tutela, con ciò lasciando scontenti una fetta abbastanza significativa dell’intera platea dei lavoratori precoci.

Pensioni 2017 news: Quota 100 che non escluda la Quota 41, ecco le richieste dei precoci

Ora con questa proposta della Quota 100, se non viene inclusa la possibilità del pensionamento anticipato con la Quota 41 senza limiti di età anagrafica, si ottiene il concreto rischio che una gran parte di lavoratori precoci dovrebbero andare in pensione anche dopo 43, 44 o addirittura 45 anni di lavoro. Sulla pagina Facebook del gruppo “Lavoratori uniti a tutela dei propri diritti” uno di loro ha scritto: “In queste ultime ore si parla tanto di quota 100 e c’è chi favorevole e chi invece contrario visto le diverse situazioni contributive. lo credo che una soluzione che metta tutti d’accordo sia quota 100 per chi ha iniziato a lavorare dopo i 20 anni: 40+60=100. Mentre per i precoci ,cioè tutti quelli che hanno iniziato prima dei 19 anni, Quota 41 senza limite d’età. Perché se la quota 100 dovrebbe valere per tutti, chi si ritroverebbe ancora una volta penalizzato sarà chi è entrato nel mondo del lavoro più giovane di altri”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook