di Maria Concetta Distefano in , ,

Pensioni 2017 news: Quota 41 e Ape, Susanna Camusso commenta l’esclusione di Tommaso Nannicini


 

L’Ape e la Quota 41, misure previdenziali inserite nella legge di Bilancio, per essere operative necessitano dei decreti attuativi, nel frattempo Susanna Camusso, leader della Cgil, interpellata sulla mancata riconferma di Tommaso Nannicini tra i tecnici del Governo, ha commentato la scelta del Governo

Pensioni 2017 ape volontario e Quota 41 decreti attuativi in settimana

Pensioni 2017 news: pensione anticipata, Susanna Camusso commenta l’esclusione di Tommaso Nannicini

La Cgil che ha sostenuto tante richieste provenienti dai lavoratori prossimi alla pensione per chiedere la modifica della legge Fornero e che dopo un lungo confronto con il Governo concluso con alcuni punti condivisi inseriti nella legge di Bilancio approvata dal Governo è tornata in prima linea con la proposizione dei referendum sul Jobs Act che sta scatenando diverse discussione all’interno del Partito democratico. Il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in un’intervista rilasciata all’Unità ha anche parlato della riforma delle pensioni e alla domanda sulla scelta del governo del premier Paolo Gentiloni di non avvalersi ancora del professore bocconiano Tommaso Nannicini che aveva guidato la cabina di regia per modificare la legge Fornero, ha risposto: “Non commento le scelte, dico solo che non dimentichiamo il tema ‘Previdenza 2’ con il confronto soprattutto selle pensioni dei giovani. È un impegno preso dal Governo per quest’anno, chiederemo che lo rispetti”.

pensioni 2017 news

Pensioni 2017 news: Ape, si attendono i decreti attuativi

Tuttavia le misure previste nella legge di Bilancio in materia pensionistica rischiano di rimanere bloccate . Infatti per quanto riguarda la misura centrale di tutta la riforma previdenziale, l’Ape, che permetterà il pensionamento per coloro che hanno maturato 63 anni di età, di 3 anni e sette mesi di anticipo rispetto ai termini previsti per la pensione di vecchiaia, sempre che abbiano versato 20 anni di contributi e l’assegno mensile, al netto della rata del prestito, sia pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo previsto nell’assicurazione generale obbligatoria è istituita partire dal 1° marzo 2017 e in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018, ma entro marzo dovrebbero anche essere definiti i dettagli sull’ammontare degli interessi sul prestito pensionistico concesso dalle banche e sugli accordi che saranno stipulati tra assicurazioni e Inps, relativamente alla vita del pensionando, che dovrà assicurare le banche nel caso di premorienza dello stesso.

Pensioni news pensione di garanzia riforma fase due

Pensioni 2017 news: Pensione precoci e Quota 41, entro marzo i dettagli

Altro decreto molto atteso riguarda l’attuazione della pensione per alcune categorie di lavoratori precoci che abbiano raggiunto 41 anni di contribuzione, queste potranno accedere alla pensione anticipata indipendentemente dall’età. Si sa che i precoci che potranno andare in pensione sono:
>lavoratori disoccupati perché licenziati o dimessi per giusta causa o per conclusione consensuale del rapporto di lavoro e che abbiano terminato la prestazione per la disoccupazione da almeno tre mesi;
>lavoratori che si dedichino da almeno sei mesi, al momento della richiesta, a un parente di primo grado convivente o al coniuge con grave disabilità;
>lavoratori che abbiano una disabilità accertata uguale o superiore al 74%;
>lavoratori dipendenti che svolgano da almeno sei anni attività usuranti elencate in un allegato alla legge di Stabilità. Tuttavia anche in questo caso si attendono maggiori e specifici dettagli. Un altro decreto molto atteso è quello relativo i lavoratori addetti ad attività usuranti, che avranno nuove agevolazioni.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2017!

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook