in

Pensioni 2018 news, arriva l’opzione uomini? Ecco l’ultima proposta e cosa prevederebbe

Tra le riforme del Governo Conte si dà grande spazio al tema previdenziale. Mentre si discute per la possibile reintroduzione della Quota 100, andiamo a scoprire quali sono le novità in merito alla Riforma Pensioni per quanto concerne l’opzione donna. Di cosa si tratta? È una possibilità per le lavoratrici di pubblico e privato di andare in pensione in anticipo a patto di accettare un assegno calcolato interamente su sistema contributivo. È un’opzione introdotta dalla Legge Maroni n° 243/04, ripresa successivamente con la Riforma delle Pensioni Fornero del 2011 e prorogata anche dalla Legge di Bilancio 2017. Ecco requisiti e novità in programma per Pensioni opzione donna. Come riportato da Orizzonte Scuola, intanto, sembrerebbe che Fratelli d’Italia non disdegnerebbe di ispirarsi al principio della discriminazione di genere per estendere anche agli uomini i vantaggi per l’accesso alla pensione previsti nell’opzione donna.

Leggi anche: Tutte le news sulle riforma pensione 2018

Pensioni opzione donna requisiti: chi può aderire?

Come funziona la Pensione opzione donna? Possono andare in pensione a 57 anni (58 se autonome) se hanno raggiunto i 35 anni di contributi, cosa che permette un notevole anticipo rispetto le regole ordinarie che prevedono o il raggiungimento di almeno 41 anni e 10 mesi di contributi o il raggiungimento di un’età anagrafica di 66 anni e 7 mesi per le lavoratrici del pubblico, 65 anni e 7 mesi del privato, 66 anni e mese se autonome oltre ad avere maturato almeno 20 anni di contributi. Possono aderire all’opzione donna tutte le lavoratrici iscritte all’assicurazione generale obbligatoria, a fondi sostitutivi o esclusivi che siano in possesso di contributi alla data del 31 Dicembre 1995. Non possono aderire a questa opzione coloro che sono iscritte alla gestione separata o che, per qualsiasi motivo, vogliano utilizzare i contributi maturati in tale gestione per raggiungere il requisito contributivo.Come funziona opzione donna e lotta per la proroga al 2018

Pensioni 2018 opzione uomini: come funzionerebbe? L’idea di FdI

Come scrive Orizzonte Scuola: “Se è vero che il mondo è cambiato e se è vero che si lotta per la parità di genere, questo deve valere su tutti i campi. E’ probabilmente questo il principio ispiratore del partito di Giorgia Meloni che vuole presentare una risoluzione, cioè un atto con valore procedurale di indirizzo del Governo, per estendere i benefici finora pensati per le donne anche agli uomini.” Questo porterebbe ad avere un maggiore spazio lavorativo per i giovani. 

Cosa prevede il contratto di Governo sulle Pensioni opzione donna

Come si legge nel contratto di Governo, stipulato da Lega e Movimento 5 Stelle, l’esecutivo guidato da Conte si porrà come obiettivo quello di prorogare: “La misura sperimentale “opzione donna” che permette alle lavoratrici con 57-58 anni e 35 anni di contributi di andare in quiescenza subito, optando in toto per il regime contributivo. Prorogheremo tale misura sperimentale, utilizzando le risorse disponibili.”

Gianluca Ginoble fidanzata: chi è la misteriosa ‘moretta’ che accompagna il tenore de Il Volo?

Matteo Branciamore malattia, la rivelazione ‘scottante’ di Marco de I Cesaroni