in

Perugia: accoltellato mentre affigge manifesti di ‘Potere al popolo’

Perugia militante accoltellato mentre affigge i manifesti di ‘Potere al popolo’. La vittima ha 37 anni, fortunatamente le ferite riportate non sarebbero gravi. Mentre affiggeva manifesti elettorali di Potere al popolo, oggi 21 febbraio è stato accerchiato da alcune persone, al momento non ancora identificate, che lo hanno colpito con arma da taglio. Sul terribile accaduto, verificatosi nella zona di Ponte Felcino, zona periferica della città, sono in corso accertamenti da parte della Digos della questura che sta cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. Secondo le indiscrezioni emerse, lo polizia è intervenuta sul posto a seguito di una telefonata anonima al 113 aveva che aveva riferito di una rissa, senza però fornire ulteriori dettagli. Ferito anche un altro uomo che era in compagnia del 37enne accoltellato. Entrambi sono stati trasportati al pronto soccorso, medicati e dimessi poco dopo. 
Perugia, affigge manifesti elettorali di Potere al popolo: 37enne accoltellato

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Pamela Mastropietro news: i genitori puntano il dito contro la comunità Pars

Gli aggressori, entrati in azione con il volto coperto, sarebbero quattro. Lo si apprende da ambienti del movimento. Ad aggredirli sarebbero state delle persone che erano già in zona, quindi non si sarebbe trattato di un agguato premeditato. “Le modalità dell’aggressione sono inequivocabilmente quelle che caratterizzano i gruppi di estrema destra, da anni, nel silenzio e nella distrazione della politica e delle istituzioni”, queste le parole di denuncia di Andrea Ferroni, portavoce dei Giovani comunisti e capolista in Umbria di Potere al popolo, e Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista. Entrambi esprimono “solidarietà ai due compagni accoltellati mentre facevano affissione” e chiedono con forza “alla prefettura un intervento risoluto per individuare i colpevoli del grave fatto”.

Entrambi hanno poi dichiarato che “dopo la assai strana aggressione al militante di Forza Nuova a Palermo, diventa sempre più evidente che qualcuno stia gettando benzina sul fuoco, per creare un clima che giustifichi un governo di larghe intese”.

Marco Boni scomparso a Riva del Garda ultime notizie: la toccante lettera dei compagni di classe

FABRIZIO CORONA esce dal carcere

Fabrizio Corona esce dal carcere: sarà trasferito in una comunità di recupero