di mbarbie1970

Petrolio Greggio WTI: Prezzi ai minimi a Wall Street


 

Il petrolio greggio nel mercato WTI degli Stati Uniti chiude in territorio negativo, sui minimi supporti, negli scambi di venerdi a wallstreet. Il dollaro realizza guadagni minimi sull’euro dopo la pubblicazione del rapporto di ottobre sui posti di lavoro.

Petrolio Prezzo in Calo

Il petrolio greggio con consegna dicembre viaggiava in calo del 2,15%%, di 1,87 punti a 85,22 dollari al gallone durante le ore successive alla chiusura delle borse europee, riducendo i guadagni di circa due punti percentuali rispetto al contratto di giovedì nella normale sessione del NYMEX, per poi chiudere a 84,77 dollari il barile al suono di chiusura della borsa americana. I guadagni precedenti erano sostenuti sulla scia di un calo a sorpresa sulle forniture di greggio e sui dati macroeconomici statunitensi migliori del previsto. I segnali di miglioramento economico, spesso tendono ad aumentare i prezzi del petrolio, in quanto i prezzi di mercato sono legati a una forte domanda di greggio.

Ma prima di giovedì è accaduto che nonostante i guadagni per il dollaro statunitense, che può spesso pesare sulle denominate in dollari e sui prezzi del greggio, ha reso il prodotto più costoso per i titolari di altre valute. Nel primo venerdì di negoziazione del mese, il dollaro è partito in contrattazione dalle plusvalenze realizzate giovedì, con l’indice del dollaro ICE DXY salito a +0,28% al valore di 80,079 dai precedenti 80,052 intorno al momento della chiusura del Nymex sempre di giovedì.Nella chiusura settimanale si rileva un guadagno del dollaro sull’euro con il cambio EUR/USD a 1,2840. Il dollaro guadagna anche sulla sterlina inglese a 1,6024.

Anche se questo può aver contribuito a spingere il petrolio greggio a un valore inferiore questo venerdì, i fattori valutari sono passati in secondo piano sulla stretta analisi dei dati statunitensi sulla relazione dei libri paga non agricoli, che è stata pubblicata alle ore 8.30 ora della costa orientale americana. Un sondaggio di economisti di MarketWatch ha suggerito che la relazione avrebbe mostrato un incremento di 120.000 nel mese di ottobre, mentre il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti salirebbe al 7,9% dal 7,8%. Altri prodotti energetici al termine della seduta hanno avuto perdite più lievi.

Il gas naturale con scadenza dicembre ha perso 0,4 centesimi di dollaro, con un calo del 3,65%, e scambiato a 3,56 dollari per milione di unità termiche britanniche. Il gas per riscaldamento ha ceduto circa 0.0669 centesimi di dollaro, al -2.21% , a 2.9662 dollari al gallone, mentre i prezzi della benzina oltreoceano scivolano di una frazione di centesimo per assestarsi a circa 2.63 dollari.

(foto: @maihem; @eastpole – flickr.com)

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro