di mbarbie1970

Petrolio Russo e Americano Minacciano la Produzione OPEC


 

La leadership sulla produzione di petrolio greggio negli Stati Uniti e il mercato del petrolio russo con l’aumento delle sue estrazioni, stanno mettendo a serio rischio la produzione dell’OPEC e i prezzi dell’oro nero, sostengono notizie provenienti da varie e autorevoli fonti.

Petrolio Prezzo in Calo

I politici americani sono stati a lungo concentrati sia sul dominio che l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha sui mercati petroliferi che sulle elezioni presidenziali di quest’anno. Ma un boom del petrolio in America, associato con un aumento della produzione russa, sta minando l’influenza del cartello, il che rende probabile che il gruppo taglierà la produzione di greggio per sostenere i prezzi. Sia il presidente Barack Obama che lo sfidante Mitt Romney hanno sostenuto durante la campagna elettorale che le loro proposte potrebbero aiutare l’America ad avere minor dipendenza dal petrolio e dall’OPEC.

Ma il cambiamento è già in corso sul mercato del petrolio degli Stati Uniti e questa volta sembra che l’OPEC ha più da preoccuparsi di quanto non lo siano gli automobilisti americani. Dopo tre decenni di declino e trivellazioni dal trapano facile, la produzione di petrolio negli Stati Uniti è in ripresa. Questo perché un aumento dei prezzi del greggio e dei progressi tecnologici hanno permesso l’estrazione da formazioni rocciose ristrette, come le cosiddette riserve di scisto.

Secondo le informazioni del dipartimento amministrativo dell’energia americano, l’estrazione di petrolio greggio, in aumento come il gas naturale liquido, prevede un estrazione di circa 11,7 milioni di barili al giorno entro la fine del 2013, in crescita del 8,5% rispetto al terzo trimestre di quest’anno. Sarebbe vicino ai 12 milioni di barili al giorno di greggio dell’Arabia Saudita che ha la capacità di produrre e di esportare fin al di sopra dello stato del Golfo per circa 10 milioni di barili al giorno. Già, la produzione di petrolio dal Nord Dakota da solo, è appena al di sopra dei 700.000 barili al giorno, superando i 500.000 barili al giorno dell’Ecuador, e si apprestando a superare l’uscita del Qatar di 750.000 barili al giorno. L’Ecuador e il Qatar sono membri dell’OPEC. Di conseguenza, le importazioni dovrebbero rappresentare meno del 40% del consumo di petrolio degli Stati Uniti il prossimo anno per la prima volta dal 1991, secondo l’EIA, una fonte autorevole sui mercati petroliferi mondiali.

Petrolio Opec Produzione

Alcuni esperti sostengono che il petrolio greggio OPEC dovrebbe essere il primo a risentire della stretta. “Questo flusso di greggio degli Stati Uniti è tale da mettere i prezzi del petrolio e la produzione OPEC sotto pressione o al ribasso il prossimo anno,” ha scritto Leo Drollas in una nota il mese scorso, capo economista nel Regno Unito del Centre for Global Energy Studies. La VIA prevede un’estrazione di soli 490.000 barili al giorno dell’offerta OPEC il prossimo anno, dato che riduce la produzione per sostenere i prezzi, mentre il CGES stima che la ripresa della produzione statunitense, ridurrà la domanda globale per l’anno prossimo di greggio dell’OPEC di circa 670.000 barili al giorno, circa il 2% della sua produzione di greggio attuale che ammonta a 31 milioni di barili al giorno. Un calo delle importazioni statunitensi potrebbe attirare nuovi acquirenti, mettendo pressione sui prezzi. I Prezzi del Brent sono attualmente a circa 111 dollari al barile, mentre il petrolio greggio sul New York Mercantile Exchange è stato scambiato al di sotto di 90 dollari al barile.

Inoltre, non è solo la diminuzione della richiesta di petrolio straniero degli Stati Uniti che l’OPEC deve temere. La produzione della Russia è in aumento anche a livelli che non si vedevano dal 1980 dall’era sovietica, grazie ad un intenso programma di perforazione sostenuto dal Cremlino. Il mese scorso, la produzione ha raggiunto 10,46 milioni di barili al giorno, in aumento del 2% rispetto alla media dello scorso anno e mezzo milione di barili al giorno in più rispetto l’Arabia Saudita. Mentre la Russia si è impegnata ad allacciare legami più stretti con l’OPEC, sarà improbabile che coordini i tagli di produzione con il gruppo per sostenere i prezzi. “A noi, partecipare ai tagli produttivi, l’OPEC dovrebbe offrirci qualcosa di molto interessante che compenserebbe tutti i rischi. Non ho visto nessuna offerta del genere,” ha dichiarato Igor Sechin, amministratore delegato del più grande produttore di petrolio russo Rosnef al Wall Street Journal il mese scorso.

Alcuni esperti dicono che l’OPEC in Medio Oriente possa in parte ridurre la quota di mercato perduta, approfittando di un aumento della sua flessibilità produttiva. A differenza degli Stati Uniti e la Russia, che producono più barili che possono, i membri dell’OPEC intenzionalmente lasciano un margine di capacità inutilizzata, che può essere utilizzata per cercare di influenzare i prezzi. “L’importanza dei paesi arabi produttori di petrolio non sta nelle sue enormi riserve unitarie, ma anche nella capacità produttiva di riserva”, ha scritto il consulente Walid Khadduri in Arabia Saudita.

(foto: @Keturah Stickann – flickr.com)

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook