in

Piazza Pulita stasera in diretta su La7: le anticipazioni

Dopo l’enorme successo della prima puntata, Piazza Pulita si ripete stasera, in onda dalle 21:10 su La7, ma anche sul sito della rete e su Youtube. Lunedì scorso gli ospiti presenti da Corrado Formigli erano l’ex PM Antonio Ingroia e Giulio Tremonti. In quell’occasione, il programma ha fatto registrare più di 1,6 milioni di telespettatori, uno share di 7,19% in media (11,33% sul finale) e 2,8 milioni di telespettatori ad inizio puntata.

Sondaggi Elezioni 2013

Gli ospiti di stasera, saranno i seguenti: il Governatore della Puglia Nichi Vendola, Oscar Giannino (fondatore di Fare per fermare il declino), il direttore de Il Tempo Mario Sechi, Concita De Gregorio (editorialista di Repubblica) e l’economista Emiliano Brancaccio.

Si parlerà della rimonta incredibile di Berlusconi (aiutata anche dallo show del Cavaliere da Santoro), di Monti, di Grillo e di Vendola.

Leggi anche -> “Sgominato il clan di Santoro”, la prima pagina de Il Giornale di Gianluca Capiraso
Leggi anche -> Servizio Pubblico, lite Berlusconi-Santoro: il video di Gianluca Capiraso
Leggi anche ->Servizio Pubblico, fuori onda di Berlusconi: “Ragazzi, non fatevi infinocchiare” di Gianluca Capiraso
Leggi anche ->Berlusconi a Servizio Pubbico: Italia ingovernabile, cambiare Costituzione di Claudio Di Bona
Leggi anche -> Berlusconi da Santoro: sito di Servizio Pubblico offline, salta la diretta di Gianluca Capiraso
Leggi anche -> Berlusconi a Servizio Pubbico: votare partito unico di Andrea Monaci
Leggi anche -> Lettera a Travaglio: idea di Storace di Mattia Preiziuso

Written by Claudio Di Bona

Nato alle pendici del Vesuvio nel 1986, Diplomato al Liceo Scientifico di Gragnano (la Città della Pasta) e Laureato in Scienze della Comunicazione a La Sapienza di Roma. Appassionato di tecnologia, segue con particolare attenzione i mondi Apple ed Android ed i Social Network di Facebook e Twitter.

Crisi economica: l’84% degli Italiani nel 2013 vede “nero”

David Cameron Primo Ministro Britannico

La Gran Bretagna resta in Europa ma cancella 130 leggi comunitarie