di M.B. Michela in ,

Pordenone: vittima di abusi accoltella il suo aguzzino, il presunto orco è in fin di vita


 

Pordenone: vittima di abusi accoltella il suo aguzzino, il presunto orco è in fin di vita. L’accaduto si è verificato in casa dell’aggredito, a San Vito al Tagliamento

vittima di abusi si vendica

Pordenone: ragazzo vittima di abusi si vendica a distanza di anni del suo aguzzino. E’ accaduto a San Vito al Tagliamento: il giovane, vittima di abusi quando era ancora minorenne, ha accoltellato il presunto orco. L’uomo ferito ha 48 anni, ora è ricoverato in ospedale a San Vito al Tagliamento ed è in prognosi riservata. L’aggressore ha 23 anni ed è stato fermato dai carabinieri della Compagnia di Pordenone, ai quali si è costituito spontaneamente circa un’ora dopo l’accoltellamento.

L’uomo accusato di pedofilia è un medico, ex allenatore di calcio giovanile. Secondo la ricostruzione dei fatti emersa, il professionista alcuni anni fa avrebbe dato ospitalità al ragazzo, interrompendo poi ogni frequentazione con lui dopo che la mamma del ragazzino lo accusò di molestie sessuali a danno del figlio.

Il medico ha sempre respinto ogni accusa, sebbene fosse finito anche agli arresti domiciliari e si atuttora sotto processo con l’accusa di abusi. Le indagini a suo carico hanno permesso di trovare nei pc a lui in uso delle immagini pedopornografiche di cui però ha sempre negato la paternità. Secondo le accuse avrebbe adescato dei minori via internet. Gli inquirenti stanno lavorando nel più stretto riserbo per tutelare l’identità delle vittime coinvolte nella indagine.

>>> Potrebbe interessarti anche —> Serena Mollicone news sulla morte: “Picchiata e soffocata con sacchetto”

La ricostruzione dei fatti trapelata riferisce che l’accoltellamento sarebbe avvenuto nella casa dell’uomo: dopo essere stato ferito è riuscito a indicare al personale di soccorso e ai Carabinieri l’identità del suo aggressore, per poi perdere conoscenza. Ecco perché già prima che si costituisse, il 22enne era già ricercato dalle forze dell’ordine. Il paziente è stato ricoverato d’urgenza nel reparto Terapia intensiva dell’ospedale di San Vito al Tagliamento, le sue condizioni sarebbero critiche e impedirebbero addirittura il suo trasferimento in una struttura maggiormente attrezzata per le sue condizioni. La prognosi resta strettamente riservata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook