in

Porti chiusi in Italia, Di Maio a Omnibus: “Ecco la verità”

“Non è immaginabile chiudere l’ingresso a una nave italiana”. Il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ospite di Omnibus su La7, interviene sul caso della nave Diciotti sulla quale sono stati trasferiti i migranti soccorsi dalla Vos Thalassa intervenuta in acque Sar libiche anticipando l’intervento della guardia costiera libica che era già stata allertata. Dopo il salvataggio alcuni migranti avrebbero minacciato l’equipaggio e il capitano della Vos Thalassa, si immagina per non essere riportati in Africa, tanto che è stato richiesto appunto l’intervento della guardia costiera italiana. “Se si tratta di una nave italiana, che è intervenuta in una situazione che dovremmo chiarire, bisogna necessariamente farla sbarcare” dice Di Maio, puntualizzando come i porti non siano “chiusi, lo sono alle ong che non rispettano le regole”.

Porti chiusi in Italia: Di Maio e la mossa contro Salvini?

Quanto alla necessità di far sbarcare i migranti a bordo della nave della Guardia costiera italiana, Di Maio precisa: “Non è un titolo contro Salvini, non è immaginabile chiudere l’ingresso a una nave italiana, ma condivido tutte le perplessità su quello che sta accadendo nel Mediterraneo”.sbarchi migranti sos guardia costiera

Porti chiusi in Italia: il pensiero del ministro Trenta

Il Mediterraneo è sempre stato un mare aperto e continuerà ad esserlo. La strada è regolamentare, non chiudere” sottolinea la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, in una intervista ad ‘Avvenire’. “L’apertura – osserva – è la sua ricchezza. La parola accoglienza è bella, la parola respingimenti è brutta. Poi accogliere si può declinare in mille maniere. E si può, anzi si deve, legare accoglienza a legalità”.

pensioni 2018 quattordicesima

Pensioni 2018 news, aumento assegno minimo? Ecco la ricetta del Governo Conte

New Orleans, funerale bizzarro per 18enne ucciso in sparatoria: cadavere esposto in salotto mentre gioca alla PlayStation