in

Porto Recanati ossa umane in un pozzo: appartengono a più persone, scavi in corso

Porto Recanati: ossa umane trovate ieri in un pozzo durante gli scavi compiuti nei pressi di un casolare abbandonato nei dintorni dell’Hotel House di Porto Recanati (Macerata). Iniziati immediatamente gli scavi, di ora in ora ciò che era stato solo ipotizzato in un primo momento si sta rivelando essere certezza: quei resti ossei apparterrebbero a Cameyi Mosammet, la 15enne bengalese scomparsa da Ancona il 29 maggio 2010, le cui tracce si persero proprio nei pressi di quell’hotel, dove viveva l’allora fidanzatino Monir Kazi, al tempo 20enne, unico indagato per sequestro di persona. Sempre in quel punto, infatti, fu localizzato per l’ultima volta il cellulare della ragazzina, che viveva ad Ancona con la famiglia.

Potrebbe interessarti anche: Paola Gambino scomparsa a Bordighera: nuovo appello del figlio, novità sulle ricerche

Sul posto, dove si erge un edificio fatiscente regno di degrado e spaccio di droga, un pozzo dove è stato rinvenuto un cranio, delle costole e anche una scarpa bianca, oltre a brandelli di foulard e di maglia. Tutti elementi, questi, che inducono gli investigatori a sospettare che quei resti appartengano proprio alla 15enne scomparsa 8 anni fa. Il cimitero “degli invisibili” è chiamato quel posto, dove giacciono anche i corpi senza vita di migranti irregolari i cui corpi non sono mai stati reclamati. E ieri pomeriggio infatti, dopo il casuale rinvenimento di alcune ossa umane durante un controllo di routine da parte degli uomini della Guardia di Finanza, si è chiesto l’intervento dei Vigili del fuoco i cui scavi hanno aggiunto orrore all’orrore: altri frammenti di ossa appartenenti, pare, a quattro o cinque cadaveri.

Quei frammenti di ossa, infatti, già a un primo esame non sono apparsi compatibili con la presenza di un solo cadavere, e non è escluso dunque che in quel pozzo ci siano più corpi. Presto saranno avviati gli esami del Dna di cui si occuperanno i medici legali incaricati, Roberto Scendoni e Mariano Cingolani. Gli scavi sono stati interrotti ieri notte ma già oggi, 29 marzo, riprenderanno.

Cameyi Mosammet, la 15enne bengalese scomparsa da Ancona il 29 maggio 2010:

Emiliano Mondonico è morto: lutto nel mondo del calcio per il grande allenatore

Gela, madre uccise figlie piccole strangolandole: assolta