in

Porto Rotondo: trovato cadavere in mare nel Golfo di Cugnana

Porto Rotondo: trovato cadavere in mare nel Golfo di Cugnana. Il drammatico ritrovamento del corpo senza vita, che secondo una prima ricostruzione sarebbe quello di un soggetto maschile, è avvenuto nella mattinata di oggi, domenica 10 giugno 2018. Le acque sarde della Costa Smeralda hanno restituito un cadavere la cui identità è al momento ancora sconosciuta. Per l’esattezza, il ritrovamento è avvenuto nei pressi dell’isola di Soffi, tra la Costa Smeralda e Porto Rotondo.

Golfo Cugnana cadavere in mare

Scattato l’allarme sul posto è immediatamente intervenuta la Guardia costiera. Si attendono gli accertamenti delle forze dell’ordine per risalire all’identità dell’uomo e alle cause del decesso. Pare che il corpo fosse già in avanzato stato di decomposizione; ciò dunque fa ipotizzare che quel corpo fosse in mare già da diversi giorni.

Potrebbe interessarti anche: Fabrizio Rocca scomparso a Porto Rotondo: nuovo avvistamento, ecco dove

fabrizio scomparso a porto rotondo

Da giorni proprio nelle acque di Porto Rotondo sommozzatori e forze dell’ordine stanno cercando il 23enne di Bolzano, Fabrizio Rocca, arrivato sull’isola per lavoro lo scorso 14 maggio e scomparso in circostanze alquanto preoccupanti la sera dello stesso giorno, dopo aver prestato servizio come tecnico informatico presso l’hotel in cui avrebbe dovuto alloggiare. Sebbene non vi sia al momento alcun elemento che possa mettere in collegamento la sua sparizione con il ritrovamento di un cadavere di uomo proprio nelle acque di Porto Rotondo, impossibile non avere il seppur remoto timore che il cadavere in decomposizione sia proprio quello del 25enne, che data la stazza (Fabrizio è alto 1,90 ed è di corporatura robusta) sembra più grande della sua età. Le indagini sono in corso, seguiranno aggiornamenti.

Elezioni 2018 Di Maio

Luigi Di Maio a In Mezz’ora: “Pensioni a quota 100 e 41, reddito di cittadinanza? Vi dico tutto”

Sbarco migranti in Italia oggi, Salvini annuncia: “Porti italiani chiusi”