in ,

Pranzo di Natale 2016 a Palermo: le ricette della tradizione per un menù ricco

Sapori decisi e specialità gustose la fanno da padrona in Sicilia, soprattutto quando si parla delle ricette della tradizione per un tipico menù del pranzo di Natale a Palermo. Durante le feste, le tavole sono più imbandite del solito. Si inizia da un antipasto che solitamente comprende diversi piatti tipici, possibilmente fritti, si continua con un primo piatto di pasta o un pasticcio dal sapore ricco. Il secondo piatto, di carne o di pesce, viene solitamente accompagnato da un contorno altrettanto corposo. Tra i dolci non possono mancare i classici cannoli, gli sfinci e la cuccia.

L’antipasto di un tipico menù del pranzo di Natale in Sicilia si presenta come una portata gustosa: di solito, si preparano le alici marinate, i carciofi, le carote, le zucchine e i cardi fritti in pastella. In alternativa, i carciofi vengono arrostiti oppure preparati in padella con un ripieno di pan grattato, olio locale, formaggio grattugiato, sale, pepe e prezzemolo. I maccheroni caserecci sono un primo piatto tipico di Natale: si prepara la pasta con acqua e farina. Si realizzano dei salsicciotti e si tagliano degli gnocchi di circa 4 cm. Con un ferretto sottile si stende la pasta, in modo da ottenere un lungo bucatino. La pasta si serve con un sugo arricchito con la salsiccia.

Tra i secondi piatti tipici del pranzo di Natale in Sicilia, vi è il falso magro: si stende una fetta di osso piatto di vitello, sopra alla quale si posizionano le listarelle di salame, formaggio e uovo. Si arrotola come se fosse un involtino e si lega. Si immerge in un sugo classico precedentemente preparato e si lascia cuocere quanto basta, a seconda del peso della carne. Il pranzo di Natale in Sicilia si conclude solitamente con gli sfinci: sono frittelle dolci ricoperte di zucchero o miele.

Foto di Alessia Evola via Instagram – Sfinci

tirocini retribuiti

Tirocini retribuiti in Puglia 2016/17: occasioni nel pubblico, ecco dove candidarsi

regali di natale errori

Regali di Natale: i 3 errori da non fare secondo la scienza