di Andrea Monaci in

Prato, donna passeggia in centro con il niqab: multata


 

Passeggiava nel centro di Prato con il niqab, il velo completo che lascia scoperti solo gli occhi: una donna musulmana è stata portata in Questura e sarà multata ai sensi della legge “Reale”

Multata perché indossava il niqab, il velo completo che copre anche la testa e lascia scoperti solo gli occhi. E’ accaduto a Prato, dove una donna è stata fermata mentre si apprestava ad entrare in un negozio e portata in questura. Gli agenti le hanno contestato la violazione della legge “Reale” del 1977 secondo la quale “è vietato l’uso di caschi protettivi o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo”.

Per la donna scatterà una sanzione, il cui importo non è stato ancora specificato. Il fatto è accaduto una settimana fa, ma è emerso solo in seguito ad un articolo del quotidiano locale Il Tirreno, che ha rimarcato come si tratti del primo caso di multa comminata ai sensi della legge “Reale” nella città toscana. La donna sarebbe stata fermata in via Cavallotti, nel centro di Prato, mentre si apprestava ad entrare in un negozio con il volto completamente coperto.

Il niqab è un velo presente nella tradizione araba preislamica e in quella islamica, che copre l’intero corpo della donna, compreso il volto, lasciando scoperti solo gli occhi. Viene spesso associato al wahhabismo, corrente fondamentalista dell’Islam legata al regno Saudita d?Arabia. Tuttavia il niqab è presente anche in aree non toccate dal fondamentalismo. La maggioranza delle donne musulmane praticanti, tuttavia, in Egitto come in Africa Settentrionale e in Europa nei paesi di forte presenza musulmana, indossa un ḥijāb, velo che copre soltanto i capelli.

(foto repertorio)

 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...