in

Presadiretta Indaga sui Veleni della Caffaro

Presadiretta ancora in primo piano sul tema “inquinamento”. Dopo la puntata sul caso dell’ILVA di Taranto, le telecamere della trasmissione di Rai 3 stavolta si accendono sul caso di Brescia, con una puntata significativa dal titolo “Puliamo l’Italia”. La città della Lombardia risulta infatti essere ad oggi una dei centri dall’inquinamento più grave non solo del nostro paese, ma probabilmente di tutta Europa. Stiamo parlando infatti di ben quattro milioni quadrati di territorio popolato da venticinquemila abitanti. È la zona sud di Brescia, dove sorge la “famigerata” Caffaro: un’industria che per oltre cinquant’anni ha scaricato nelle acque del mare circa 150 tonnellate di PCB. Il Policlorobifelene è una sostanza la cui tossicità per il terreno e per l’uomo si misura in microgrammi, ed è considerato, al pari della Diossina, un potente cancerogeno.

La fabbrica fino al 1984 ne ha prodotto in quantità di centinaia di migliaia di tonnellate, e l’avvelenamento ai danni dei cittadini (perpetrato nel tempo) è venuto alla ribalta grazie al libro/denuncia di Marino Ruzzenenti, uno studioso di storia industriale di Brescia. Dopo la pubblicazione del testo nel 2001, la Caffaro è stata inserita nell’elenco dei 57 siti di interesse nazionale da bonificare urgentemente. Ma da allora nulla è stato fatto.

Presadiretta ha deciso di scendere in campo sull’argomento, ed ha intervistato Philippe Grandjean, un professore e scienziato di fama internazionale dell’Università americana di Harvard, che studia da oltre venti anni l’effetto sulla salute umana dell’esposizione a PCB e a Diossina. Lo scienziato ha studiato da vicino gli effetti della Monsanto, una fabbrica che al pari della Caffaro per anni ha prodotto centinaia di migliaia di tonnellate di PBC, e la comunità di Anniston, piccolo centro dell’Alabama, ne è stata completamente avvelenata, con delle conseguenze terribili: il PBC provoca diversi tipi di tumori con gravissime conseguenze soprattutto per i bambini.

Ma la Monsanto ha pagato settecento milioni di dollari ai cittadini e si è fatta carico delle complesse operazioni di bonifica. Perché in Italia questo non è avvenuto? Come e dove trovare i miliardi di euro che servono per ripulire la città di Brescia?

Written by Luigi Boccia

È direttore artistico ed editoriale della rivista da edicola Sci Fi Magazine, ed è stato direttore responsabile di diverse testate storiche, tra le quali Telefilm Magazine, Weird Tales e Guida Tv. Lavora come sceneggiatore di film e fumetti, ed è autore di romanzi, racconti e saggi.

Tifoso Manchester United fa la pipì sulla macchina di Balotelli: le foto

Borsa Milano Quotazioni in Calo

Asta Bot 6 mesi a gonfie vele. Piazza Affari instabile, Spread in calo