di Andrea Monaci

Presidenziali Usa: l’Italia irrompe nella sfida tra Obama e Romney


 

“Se vincesse ancora Obama gli Stati Uniti finirebbero come l’Italia”. Sono parole di Mitt Romney, lo sfidante repubblicano di Barack Obama nella corsa alla Casa Bianca che si concluderà martedì 6 novembre 2012, il giorno delle Presidenziali Usa.

Romney Polemica Italia Presidenziali Usa

Parole che saranno fischiate nelle orecchie di Mario Monti e Giorgio Napolitano ma anche in tutte quelle degli italiani che vivono in America e mai avevano sentito un candidato alla Casa Bianca usare un paese europeo in tali termini dispregiativi.

Per dovere di cronaca Romney ha anche citato la Spagna nel criticare la fallimentare – a suo dire – politica economica della presidenza Obama. Il candidato presidente repubblicano mette il dito nella piaga rivolgendosi alla grande platea di scontenti che la crisi economica ha duramente messo alla prova in questi 4 anni di governo democratico.

Così è facile portare ad esempio l’Europa, funestata dalla crisi dei debiti sovrani e da una recessione senza precedenti. Ma l’uscita di Romney non è un caso: l’Italia è già comparsa prepotentemente nella campagna per le presidenziali Usa qualche giorno fa  con lo spot elettorale di Obama in cui compare Sergio Marchionne, Amministratore Delegato di Fiat e Chrysler (ecco il video)

Lo spot  è stato realizzato in risposta ad un’insinuazione di Romney riguardante il gruppo automobilistico “salvato” dall’amministrazione Obama. Romney ha affermato che il nuovo management “italiano” di Chrysler sposterà la produzione dello storico marchio Jeep in Cina. Insinuazioni subito smentite dal gruppo automobilistico e dallo stesso Obama che hanno però risollevato nuovi dubbi sulla reale portata dell’operazione di salvataggio di Chrysler, impensabile senza l’iniezione di soldi pubblici.

Insomma, il voto presidenziale Usa parla italiano come non mai, almeno fino al D-Day del 6 novembre, quando invece a determinare la vittoria dell’uno o dell’altro contendente sarà ancora l’America profonda, quella dell’Ohio, del Wisconsin e dell’Iowa.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook