di Stephanie Barone in ,

Pressione alta dieta: sintomi e cosa mangiare per tenerla sotto controllo con il freddo


 

Il freddo rigido dell’inverno non è adatto alle persone che soffrono di pressione alta: i sintomi si rifanno vivi e spesso si corre dal medico. Insieme alle cure prescritte dagli esperti, anche l’alimentazione può essere un rimedio giusto: ecco cosa mangiare per tenerla sotto controllo con la dieta.

pressione alta, pressione alta dieta, pressione alta cosa mangiare, pressione alta sintomi, pressione alta alimentazione, pressione alta rimedi,

Pressione alta dieta: il freddo fa salire i valori e i sintomi si ripresentano

Il freddo continua imperterrito su tutta Italia e non sembra portare con sé esclusivamente l’influenza. Come riporta l’AdnKronos infatti arrivano al pronto soccorso o semplicemente all’ambulatorio del proprio medico di base moltissimi pazienti che soffrono di pressione alta poiché sentono i sintomi ricomparire, malgrado attenzione e terapia farmacologica ove necessario. Come spiega Giuseppe Derosa, responsabile del centro universitario diabete e malattie metaboliche del Policlinico San Matteo dell’Università di Pavia, il freddo “dà una vasocostrizione, un po’ come accade mangiando il sale, e questo fenomeno fa salire la pressione. Così i valori pressori di un paziente possono essere non controllati nonostante i farmaci: occorre adeguare la terapia. In questo periodo negli studi del medici di medicina generale e nei pronto soccorso c’è un’importante affluenza di pazienti ipertesi, con tutti i problemi di una pressione non controllata”. 

Quali i sintomi più comuni che possono far pensare a valori della pressione troppo alti? Sebbene non esistano un insieme di manifestazioni esplicite di questo problema, i problemi più comuni che si possono riscontrare sono mal di testa (soprattutto la mattina), stordimento e vertigini, ronzii nelle orecchie (acufeni, tinniti), alterazioni della vista (visione nera, o presenza di puntini luminosi davanti agli occhi) e perdite di sangue dal naso (epistassi).

=> Volete scoprite altri rimedi naturali utili? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Pressione alta dieta: cosa mangiare per tenerla sotto controllo durante l’inverno

Qualora si riscontrassero dei sintomi della pressione alta nella propria situazione è bene rivolgersi immediatamente al proprio medico di fiducia ma soprattutto è fondamentale in inverno, nel caso in cui si fosse già in cura per questo problema, tenere spesso sotto controllo i valori. Ad ogni modo, insieme alle cure prescritte dal vostro medico, potrebbe venire in vostro aiuto anche l’alimentazione, con una scelta accurata dei cibi nella vostra dieta. Alcuni di essi infatti aiutano a tenere sotto controllo i valori dell’ipertensione: vediamo quali.

Per la dieta di chi soffre di pressione alta, si parte con qualcosa di molto goloso; farebbe infatti bene a chi soffre di ipertensione un pezzetto di cioccolato fondente poiché contiene i flavonoidi che fanno dilatare le coronarie. Un altro vasodilatatore è la barbabietola rossa per via dei nitrati in essa contenuti; essi nel nostro organismo si trasformano in nitriti e aiutano in questo processo. Sì anche alle banane che contengono il potassio, di aiuto sulla pressione e sulla circolazione sanguigna. Bene anche il consumo di legumi e cereali: i primi infatti contengono la proteina dell’idrolisato proteico mentre i secondi l’acido glutammatico. Infine da preferire certamente alla carne, il pesce, in particolar modo quello contenente Omega 3.

Pressione alta dieta: come combattere i sintomi e sentirsi meglio

Un’alimentazione controllata quindi può essere di grande aiuto, insieme alla cura prescritta dal medico, per combattere la pressione alta. In particolare è fondamentale seguire una dieta povera di sale nonché limitata nel quantitativo calorico giornaliero. Di grande importanza infatti è tenere sotto controllo il proprio peso corporeo, fare attività fisica o comunque almeno un tot di movimento al giorno.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook