in

Programma Elettorale Scelta Civica Monti: l’Economia

Mario Monti scende in campo, anzi “sale”, con il suo nuovo partito Scelta Civica. All’interno del Programma, un ruolo fondamentale lo rivestono l’Economia e lo Sviluppo. Sette sono i punti cardine all’interno della proposta centrista.

Fisco In conseguenza del pareggio di bilancio statale che dovrebbe essere raggiunto entro il 2013, il programma prevede una graduale diminuzione del carico fiscale. Non pagheranno l’IMU sulla prima casa, reintrodotta proprio dal governo Monti per far fronte al disavanzo, il 75% delle famiglie con almeno due figli a carico.

Nell’ottica di rilancio dei consumi e della produttività delle Imprese, sono stati pianificati, da una parte, una progressiva contrazione dell’Irpef a partire dai redditi medio bassi e, dall’altra, il mantenimento dell’aliquota IVA vigente. Previste, infine, agevolazioni per il mondo delle Imprese che si sostanzia nell’abbassamento delle soglie Irap.

Nasce la Coalizione Agenda Monti

Pubblica Amministrazione Per quanto concerne la PA, il partito ha indicato nella riduzione dei parlamentari e nell’accorpamento degli enti pubblici gli interventi più urgenti da realizzare per ottenere una sorta di razionalizzazione dei costi della politica da reinvestire in altre opere.

Lavoro Tema delicato è quello del lavoro. Il numero dei disoccupati, in Italia, è cresciuto a dismisura negli ultimi anni. Scelta Civica apre ad un Welfare più moderno che possa garantire la sicurezza del posto di lavoro ed una riorganizzazione positiva e più concessiva del sistema pensionistico. Per stimolare la ripresa delle assunzioni, invece, il programma fa riferimento ad una rivisitazione del contratto a tempo indeterminato ed alla concessione di sgravi fiscali per quelle realtà imprenditoriali che garantiranno assunzioni non a termine.

Giovani Si legge nella nota dedicata ai giovani “bisogna rilanciare un Piano Occupazione Giovanile con incentivi a sostegno della formazione e dell’inserimento nel mercato del lavoro e con forme di detassazione per chi assume lavoratori tra i 18 e i 30 anni”.

Istruzione Borse di studio per gli studenti più meritevoli, ottimizzazione delle tecnologie informatiche per la riduzione di costi superflui all’interno delle scuole e degli Atenei ed un’intensificazione dei network universitari per garantire un placement più immediato sono i tre punti principali per quanto concerne il capitolo che risponde al nome “Istruzione”.

Donne Grande attenzione viene data al mondo femminile ed in special modo all’occupazione ed alla presenza delle donne nelle Aziende. Prevista la detassazione per le Aziende che collocheranno nelle posizioni apicali donne capaci e meritevoli e l’incremento dei congedi per le maternità.

Turismo Il programma si conclude con un occhio al turismo, considerato come motore dell’economia del Bel Paese. Gli incentivi alle aziende ed alle PA che investono in questo settore come volano per la sua ripresa.

Written by Luigi Storti

Laureato in Economia Aziendale con Master in Corporate Finance presso la Business School de "Il Sole 24 Ore", ricopre il ruolo di Group Treasurer in una S.p.a. in Milano. Appassionato ed esperto di Finanza Aziendale, Strutturata,Mercati Azionari, Bilancio e Politiche Economico-Finanziarie.

Sondaggi PDL primo partito al 30 percento

Programma elettorale Pdl 2013: le proposte per l’economia

Morto il costruttore Mimmo Piano, mondo dell’edilizia a lutto