in ,

Programmi tv Rai cambia tutto: via Carlo Conti e Antonella Clerici, dentro Marco Liorni e Elisa Isoardi

Aria di cambiamenti in Rai: se la rete rivale affida il cambiamento al restyling grafico, ma al timone restano sempre i soliti volti, la rete di viale Mazzini cambia tutte le carte in tavola, cambiando i padroni di casa dei programmi più importanti. Il portale Adnkronos annuncia una rivoluzione in Rai: partiranno i veterani della rete di viale Mazzini, da Carlo Conti ad Antonella Clerici, e arriveranno Marco LioniElisa Isoardi e Tiberio Timperi.

Marco Liorni, la vita in diretta, intervista dal settimanale Visto

Programmi tv Rai: L’Eredità a Marco Liorni, La prova del cuoco ad Elisa Isoardi

Secondo le indiscrezioni di Adnkronos, da settembre la Rai è pronta a cambiare tutto: L’Eredità, dopo il tragico addio di Fabrizio Frizzi, passerà da Carlo ContiMarco LiorniLa prova del cuoco, invece, passerà da Antonella Clerici ad Elisa Isoardi; a La vita in diretta la conduttrice Francesca Fialdini sarà affiancata da Tiberio Timperi, che ritorna in televisione dopo la conduzione di Unomattina Estate; infine, come anticipato dal settimanale OggiMara Venier ritornerà alla conduzione di Domenica In.

Tra poco vi aspetto a #portaporta ci siete? Un abbraccio 🤗

Un post condiviso da Elisa Isoardi (@elisaisoardi) in data:

E’ probabile che anche Caterina Balivo sia sostituita da Serena Rossi nel programma Detto Fatto, mentre confermatissimo Amadeus sia in estate con Reazione a catena che in autunno con I soliti ignoti.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Morte Marco Vannini, processo Ciontoli: domani 18 aprile il giorno della verità (processuale)

morte renata rapposelli news

Renata Rapposelli news autopsia: analisi su larve nell’intestino, da lì la possibile svolta su cause morte