in

Quanto costa un aperitivo a Milano?

In una città come Milano, dove il rituale dell’aperitivo è ormai considerato un “must”, l’evoluzione e l’innovazione dei locali, per essere sempre un passo avanti agli altri, è in continuo sviluppo.

Aperitivo a Milano

Chi si differenzia per lo stile, chi per il prezzo, chi per il buffet, il capoluogo lombardo offre anche ai più esigenti una soluzione perfetta per poter unire classe, passione, buon bere e buon cibo. Ma come riconoscere i cosiddetti “Cocktail bar” migliori? Questa mini-guida vi porterà alla scoperta di Milano, selezionando alcuni tra i migliori posti per l’Happy Hour.

Tra tutti spicca il Chiringuito Indoor (Via Buonarroti 7, zona Marghera, orari 18.00-22.00): inaugurato il 13 settembre 2012, fratello del ben noto chiosco di San Siro, questo locale “indoor” che si sviluppa su 3 piani (70 posti a sedere) può vantare un’ottima unione tra il prezzo (fisso a 7 euro) e la vasta portata di pietanze, calde e fredde, servite direttamente al tavolo.

Se il Chiringuito è adatto ad ogni tipo di clientela, l’Osteria del Biliardo (via Cialdini 107, zona Affori, orari 19.00-20.30) è indirizzato ad un pubblico più… alternativo. Le atmosfere d’altri tempi, i tavoli da biliardo, i giochi in scatola e l’artigianalità dei piatti proposti, lo rendono uno dei posti dov’è possibile far coincidere la modernità dell’aperitivo con la tradizionalità dell’osterie di una volta. 5 Euro il prezzo per la consumazione, piatti genuini e tradizionali, accompagnati da una vasta scelta di formaggi e di salumi caserecci, uniti da una ricercata selezione di vini e birre artigianali.

Osteria del Biliardo

Per i più sportivi è senza dubbio indicato l‘Hall of Fame Sport Bistrot (via Piemonte 8, vicino al Teatro Nazionale, orari 18.00-21.30): consumazione a 7 euro, buffet classico di pietanze calde e fredde dipsoiste sul bancone, schermi TV a parete sempre sintonizzati sullo sport mondiale. Campionati di calcio (Serie A e stranieri), coppe (Champions League, Europa League, coppe nazionali) ma anche gli sport più disparati, tutto è visibile su richiesta, grazie allo “sport on demand“.

Hall of Fame Sport Bistrot

E rimanendo in tema “sportivo” non poteva mancare il Botinero (via San Marco 3, zona Brera, orari 19.30-22.30): sicuramente ben noto alla clientela interista, il locale dei due calciatori nerazzurri Zanetti e Cambiasso offre un arredamento di classe, stile lounge, e una deliziosa scelta di portate, assaggini proposti dalla cucina del ristorante, piatti caldi e freddi di pasta, riso,  carne, pesce e tanto altro. Consumazione un pelo più cara di altri, che varia tra gli 8 e i 10 euro, ma giustificata dalla possibilità di incontrare personaggi famosi, soprattutto legati al mondo dello sport.

Per chi vuole variare dal classico aperitivo milanese e ampliare la sua conoscenza culinaria, il posto giusto è La Bottega (via Mussi 13, zona Sempione. orari 18.30-20.00, giovedì e venerdì fino alle 22): qui l’Happy Hour lombardo incontra la tradizione napoletana. Al calice di vino, a 10 euro, si accompagnano le specialità campane quali mozzarelline, mozzarelle di bufala, affettati, pane dei contadini, pizza e molto altro, servite direttamente al tavolo.

La Bottega Via Mussi Milano

Per ultimo, ma non in ordine di importanza: Innvilllà (via Pegaso 11, zona San Siro, orari 18.00-22.00): in questa villa immersa nel verde, trasformata in un lounge bar arredato in puro stile decò, è possibile rilassarsi sui numerosi divanetti, gustando, con 8/10 euro, un cocktail e deliziandosi con ostriche, spiedini o assaggini di ogni genere.

invilla

Sicuramente più consigliato nei mesi estivi, visto il grande giardino dotato di gazebi, tavoli e soffici cuscinoni su cui è possibile adagiarsi, è una delle alternative più valide nel panorama della vita mondana di Milano: diverse “isole” contornano gli angoli della villa, ognuna specializzata in una pietanza specifica, chi il pesce, chi la carne, tutto grigliato al momento e su richiesta, nonchè piatti a base di uova, affettati, verdure e fritti di ogni tipo.

Written by Virginia Sirtori

26enne, Sanremese di origine, Milanese per adozione.
Figlia di un giornalista sportivo, sogna di seguirne le orme.
Ama definirsi una "Calciofila DOC", conosce la regola del fuorigioco e non si lascia sfuggire mai l'ultima notizia in materia, tanto da sfinire i due uomini di casa (compagno e gatto). Per sua fortuna, ha una sorella laziale che le fa da complice.

Risparmiare coi coupon in Italia: ecco come

Beppe Grillo Tsunamitour domani a Milano alle 18:30 in piazza Duomo