in ,

Quanto si riducono emissioni e smog con gli edifici del futuro

La società è in continua evoluzione. L’Italia, in tal senso, recepisce con ritardo come spesso accade, ma recepisce. Finalmente iniziano a sorgere anche nel Bel Paese i cosiddetti “edifici del futuro” che consentiranno di sviluppare il concetto di Smart City. Milano è la bandiera italiana in tal senso: il capoluogo lombardo, centro nevralgico finanziario dell’Italia, punta a raggiungere gli stessi risultati – in termini ecosostenibili – di realtà quali Singapore e Rio De Janeiro. Milano Smart City continua a crescere proprio grazie agli edifici del futuro: le nuove architetture si pongono come obiettivo primario quello di ridurre le emissioni e il livello di smog. Come? Attraverso alcuni accorgimenti funzionali che riducono l’impatto ambientale senza perdere in qualità né architettonica né di efficienza per l’edificio.

Residenza del Futuro

Cosa sono gli Edifici Nzeb?

A tal proposito, quando parliamo di edifici del futuro, non possiamo non menzionare gli Edifici Nzeb. Di cosa si tratta? L’edificio nZEB (nearly Zero Energy Building – edificio a energia quasi zero) è stato introdotto in legislazione dall’Unione Europea e successivamente è recepito ed ulteriormente precisato dal Legislatore nazionale. Questo fenomeno si è venuto a creare con la finalità ottenere un miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici nuovi così da combattere la cosiddetta fuel poverty. L’edificio nZEB è un edificio ad altissima prestazione energetica: il suo fabbisogno energetico è molto basso o quasi nullo ed è coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in situ. Ma quali sono i requisiti per poter parlare di Edifici Nzeb? Ecco tutto quello che c’è da sapere:

  • Coefficiente medio globale di scambio termico H’T
  • Area solare equivalente estiva dell’edificio su area della superficie utile dell’edificio Asol,est/Asup utile
  • Indici di prestazione termica utile per riscaldamento e raffrescamento EPH,nd e EPC,nd e indica di prestazione energetica globale dell’edificio totale EPgl,tot
  • Efficienza media stagionale degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria e raffrescamento ηH, ηW, ηC
  • Gli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili dell’Allegato 3 del D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28

Casa Domotica: quali sono i vantaggi?

Perché gli edifici del futuro fanno affidamento sulla “Domotica”? Quali sono i vantaggi che se ne ricavano da questo fenomeno? Anzitutto dobbiamo evidenziare come questa sia la scienza che si occupa dello studio delle tecnologie volte a migliorare la qualità della vita nella casa e in generale negli ambienti abitativi. Nata per impulso della forte spinta tecnologica che ha caratterizzato la seconda metà del Novecento, ha lo scopo di semplificare, connettere tra loro e rendere “intelligenti” impianti, elettrodomestici e apparecchiature presenti nelle abitazioni. Sono numerose le aree della casa automatizzabili grazie all’installazione di un impianto “Domotica”. L’edificio del futuro, detto anche smart home, si gestisce con estrema semplicità, basta un tablet, un telecomando o un pannello touch screen per programmare e coordinare il funzionamento dei diversi impianti tecnologici connessi. Grazie a questa scienza si possono ottenere importanti vantaggi interni alla casa come riduzione del consumo energetico, maggiore sicurezza per l’edificio e migliorie dell’ambiente come la possibilità di gestire l’apertura e chiusura delle luci di casa, tende o tapparelle.

La Residenza del Futuro sorge a Magenta: “Scopri i vantaggi di una casa che si paga da sola”

E a proposito di edifici del futuro è a Magenta, a venti minuti da Milano, che sta per prendere vita il progetto La Residenza del Futuro che incarna, a trecentosessanta gradi, le finalità delle Smart Home e contribuiscono alla formazione delle Smart City. La Residenza del Futuro che sorge a Magenta dà spazio non solo a principi eco-sostenibili ma anche al panorama: infatti, ogni appartamento dispone di almeno un ampio terrazzo panoramico, che potrà essere arredato a piacimento per viverlo in tutte le stagioni. La pre-disposizione per armadiature, la presenza di prese elettriche e rubinetti lo rendono una vera e propria continuazione degli spazi interni. Il costo a metro quadro di Residenza del Futuro è leggermente superiore alla concorrenza. Ma il prezzo è ampiamente giustificabile poiché gli appartamenti progettati in questo modo, hanno dei costi di gestione pressoché nulli, la concorrenza sta infatti costruendo case vecchie, residenza del futuro è invece completamente innovativa. Ciascun appartamento è rifinito con una splendida gamma di materiali selezionati. Si possono scegliere le finiture che più rispecchiano i propri gusti personali: gratuito il servizio di supporto e consulenza su materiali e prodotti. Inoltre, nelle prossime settimane saranno organizzati gli OpenDay per presentare i primi appartamenti finiti.

quarto grado stilista trovata morta

Morte Carlotta Benusiglio news: in corso riesumazione salma

pescara alessandro neri news

Omicidio Alessandro Neri news: due piste investigative al vaglio, ecco quali