di Luigia Bruccoleri in ,

Quote Moto GP 2017: uno spagnolo è il favorito, incredibile quella di Valentino Rossi


 

Sono state stimate le quote relative alla vittoria del prossimo titolo mondiale di Moto GP 2017, Rossi non parte favorito

La prossima stagione del mondiale di Moto GP 2017 è ormai sempre più vicina. Domenica 26 marzo ci sarà il primo appuntamento stagionale sul circuito di Losail, in Qatar dove, per altro, in questi giorni si sono svolti gli ultimi test IRTA pre-stagionali. Il vero favorito al prossimo titolo iridato è Marc Marquez, mentre Valentino Rossi si troverà a rincorrere il team-mate Maverick Vinales.

TUTTE LE QUOTE MOTO GP 2017

Sono da poco uscite le quote relative alla prossima stagione del mondiale di Moto GP 2017, in programma il 26 marzo. Stando alle previsioni, il favorito per la vittoria finale è lo spagnolo Marc Marquez, campione del mondo in carica e pilota della Repsol Honda. La sua quota è fissata solo a 2.20. Al secondo posto c’è l’altro spagnolo, Maverick Vinales, ex Suzuki e neo pilota della Yamaha M1, la sua quota è fissata a 3.00, mentre Valentino Rossi è posizionato terzo nella classifica stimata dei favoriti con una quota pari a 6.00. Il maiorchino, Jorge Lorenzo, ex compagno di Rossi in Yamaha e neo pilota Ducati, è quarto in classifica con 7.00 di quota. Le altre quote sono: Dani Pedrosa (Repsol Honda) quotato 17, Andrea Dovizioso (Ducati) quotato 20 mentre con una distanza notevole è la quota di Andrea Iannone (Suzuki) a 34.

Dunque Marc Marquez resta il favorito anche per la prossima stagione di Moto GP 2017, malgrado negli ultimi test IRTA in Qatar, non abbia brillato particolarmente posizionandosi addirittura decimo. Il giovane talento Maverick Vinales è invece colui che darà filo da torcere al connazionale della Honda, lo spagnolo in sella alla Yamaha ha dominato nei test dimostrando di avere le giuste qualità per poter vincere il suo primo titolo iridato in classe regina.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanCalcio

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALI