di Michela Becciu in ,

Raoul Bova accusato di frode fiscale: l’attore rischia un anno di carcere


 

Raoul Bova accusato di frode fiscale: l’attore rischia un anno di carcere. Secondo l’accusa avrebbe evaso 680mila euro

Raoul Bova frode fiscale

Raoul Bova ultime notizie: guai con il Fisco per il noto attore 45enne, sotto processo con l’accusa di frode fiscale per 680mila euro, che secondo le indiscrezioni dell’ultim’ora rischierebbe una condanna a un anno di carcere. Icona del cinema italiano, nei suoi confronti oggi 7 luglio è stata avanzata la richiesta di condanna a 1 anno di carcere dal pm Mario Pesci, al termine di una lunga requisitoria tenutasi in tribunale a Roma.

Imputate nel medesimo processo anche la ex moglie Chiara Giordano, per la quale è stato chiesto un anno di reclusione, e la sorella Daniela, che rischia addirittura una condanna più severa: per lei la richiesta del pm è stata di un anno e quattro mesi di detenzione. La sentenza è attesa a fine luglio.

>>> Raoul Bova rinviato a giudizio: è accusato di frode fiscale per 600mila euro <<<

La vicenda che ha portato Bova al banco degli imputati risale al quinquennio 2005-2010. All’attore viene contestato il reato di dichiarazione fraudolenta mediante artifici, accusa meno grave dell’evasione fiscale vera e propria. In altre parole, Bova avrebbe trasferito alcuni costi alla società che gestisce la sua immagine, la Sammarco Srl, con un ‘gioco’ finanziario.

“Le accuse mosse a Raoul Bova sono già state bocciate ben due volte da decisioni della Commissione Tributaria: un verdetto ha escluso che il contratto stipulato tra Bova a la Sanmarco fosse fasullo, l’altro ha rilevato la correttezza delle fatture” – ha dichiarato il legale dell’attore, Giulia Bongiorno – “Siamo certi che il giudice penale boccerà per la terza volta queste accuse, che abbiamo smentito con ampia documentazione anche nella giornata odierna”.

Adesso l’artista rischia di dover restituire al Fisco una somma di denaro ben più elevata di quella che avrebbe evaso, per via degli interessi maturati nel corso di questi anni: si parla di 1 milione e mezzo di euro. Senza contare il danno di immagine che una eventuale condanna gli comporterebbe …

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...