in ,

Ravenna donna scomparsa da una settimana: Crina è madre di due bambine, l’appello della famiglia

Ravenna donna scomparsa da due settimane: di Crina Vasilovici non si hanno più notizie dalla sera di martedì 23 gennaio. Da allora nessuno ha più visto questa 29enne di origini rumene madre di due bambine.

Amici a familiari sono molto in ansia e lanciano un appello a chiunque pensi di averla incontrata: Crina ha i capelli biondo scuro e gli occhi verdi, se qualcuno la avesse avvistato o avesse informazioni utili, è pregato di contattare le forse dell’ordine o la madre Maria al numero 3420745068. Il telefono cellulare di Crina risulta sempre staccato. Il marito della 29enne si troverebbe in Romania dalle figlie e avrebbe dovuto fare rientro a Ravenna proprio in questi giorni.

Potrebbe interessarti anche: Luciana Fantato scomparsa a Gambolò news: la figlia, il suo terribile passato e le lettere minatorie

Crina Vasilovici nell’ultimo periodo lavorava e alloggiava all’agriturismo Palazzo Manzoni di San Zaccaria. La madre abita nel varesotto e ha sporto denuncia nella caserma di Carabinieri locale. Indagini in corso da giorni ma senza esito. Benché non venga esclusa alcuna pista investigativa, quella più accreditata al momento è che la donna si sia allontanata volontariamente. Si è appreso che in passato Crina aveva lavorato come cameriera al Bagno Wave di Punta Marina e al ristorante Amaranto in centro a Ravenna. “Dove sei, Crina? Non ce la faccio più”, scrive disperata la madre su Facebook. Dal 23 gennaio non ha più notizie di sua figlia e più passa il tempo più la sua angoscia aumenta. Rina si era trasferita in Italia per lavoro e il marito, ancora in Romania con le loro due figlie, avrebbe dovuto raggiungerla a giorni a Ravenna. Da una settimana la 29enne non si fa viva al lavoro, non risponde al telefono, che risulta perennemente irraggiungibile.

Isola dei Famosi 2018 il provvedimento contro Francesco Monte: indagini in corso

Mercedesz henger e Sergio Arcuri gossip

Mercedesz Henger a Pomeriggio 5: “Hanno fatto polemica sul quando e come e non sul fatto in sé”