in

Rcs, addio via Solferino Ma dai giornalisti di Corriere e Gazzetta no a Crescenzago

La sede in periferia proprio non l’accettano. Giornalisti, direttori e capi-servizio di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, i due quotidiani del gruppo RCS, non si arrendono al trasferimento nella pur storica via Rizzoli. Qui, a Crescenzago, estrema periferia a Nord Est della città di Milano, si trovano già gli uffici strategici, quelli direzionali e buona parte della produzione. Inclusa la società che si occupa della distribuzione dei giornali (anche non di proprietà Rcs) che si chiama M-DIS.

Da sempre contrari al trasferimento in periferia, che viene considerato un declassamento per chi ha sempre vissuto la sede in pieno centro, giornalisti e redattori di due dei principali quotidiani italiani hanno indetto un’assemblea di redazione per il pomeriggio di oggi (orario d’inizio previsto ore 15). A sostenere la loro tesi anche il direttore Ferruccio De Bortoli, che già in passato e in più di un’occasione ha manifestato il proprio dissenso per questo trasloco forzato.

rcs via rizzoli crescenzago milano

Nel caso in cui la società,  intenta a chiudere anche diverse testate (ben 10) e alle prese con gli esuberi (800 tra Italia e Spagna), non dovesse tornare sui suoi passi, confermando quindi la decisione di chiudere le sedi di via Solferino e via San Marco, lo stesso De Bortoli potrebbe rassegnare le dimissioni.

Secondo l’Ansa, si parla addirittura già del possibile sostituto, che sarebbe stato individuato in Mario Calabresi, attuale direttore de La Stampa. Che, a sua volta, potrebbe essere rimpiazzato da Luigi Contu.

Written by Gianluca Capiraso

30 anni, nato ad Avellino e residente a Milano. Esperto di web marketing, innamorato della "Seo", blogger e giornalista pubblicista dal 2000. Attualmente è Seo&Sem Manager in Tonic e Seo&Content Manager in Xool, due giovani e dinamiche web companies in forte crescita. Oltre alla passione per il calcio, ed in particolare per il "suo" Avellino, e per la politica,soprattutto come anti-DeMitiano, dedica il suo tempo alla produzione di contenuti per poi vederli ai primi posti dei risultati di ricerca di Google. #sonosoddisfazioni

papa benedetto XVI dimissioni

Dimissioni Ratzinger, i Papi che hanno abdicato nella storia

La Passione