in

Reddito di cittadinanza ultime notizie: è scontro Di Maio – Tria, ecco perché e qual è il motivo

Reddito di cittadinanza, le ultime notizie politiche fanno emergere uno “scontro” interno tra Luigi Di Maio e Giovanni Tria, rispettivamente Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro e Ministro dell’Economia“Non so a cosa si riferiva” il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Luigi Di Maio quando ha auspicato l’introduzione del reddito di cittadinanza entro quest’anno, “ma nelle mie discussioni con il ministro non si è mai entrati in questo dettaglio e non mi è stata mai espressa questa idea. Non posso esprimermi né a favore né contro, è una cosa che va vista in questo ambito”. Così il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha risposto, in conferenza stampa a Lussemburgo, a chi gli chiedeva se l’auspicio del vicepresidente del Consiglio, che comunque ha spiegato che prima vanno resi efficienti i centri per l’impiego, sia realizzabile o meno.

Leggi anche: Le ultime notizie sul reddito di cittadinanza e la proposta di Di Maio

Reddito di cittadinanza ultime notizie, Tria: “È un provvedimento importante”

Tria ha comunque spiegato che si tratta di un provvedimento “importante” per accelerare la modernizzazione dell’economia italiana. “Per il 2018, essenzialmente – ha continuato – i giochi ormai sono quasi fatti, quindi ci muoveremo soprattutto, e dovremo farlo in modo molto rapido, con interventi di riforma strutturale che non hanno costi ma sono importantissime, per esempio per far decollare gli investimenti pubblici”“Viene visto – ha proseguito Tria – come un provvedimento di assistenza: io lo vedo come un provvedimento che consente, con stabilità sociale, di andare in modo un po’ più deciso verso riconversioni, ristrutturazioni, innovazione tecnologica: il mondo sta cambiando e l’Italia deve seguire la rivoluzione tecnologica e scientifica”.

Reddito di cittadinanza ultime notizie, Di Maio: “Non possiamo vedere famiglie povere”

Sul reddito di cittadinanza “ci sono valutazioni tecniche del ministro dell’Economia Tria e del viceministro Castelli comprensibili. Penso anche, però, che siamo di fronte a una emergenza assoluta che richiede una risposta subito”. Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio. “Non possiamo accettare che ci siano bambini in povertà assoluta, cioè che non hanno da mangiare, e non fare nulla. Alle famiglie che versano in queste condizioni, ai padri e alle madri che non sanno come portare un piatto in tavola va data una risposta subito”, spiega il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico.

Ultimi sondaggi elettorali, Tecnè: percentuali dei partiti al 25 giugno 2018

Tutto può succedere 3 anticipazioni seconda puntata 25 giugno 2018: preoccupazioni per Alessandro