in

Renata Rapposelli news: figlio cercò informazioni online su caso Roberta Ragusa

Omicidio Renata Rapposelli ultime notizie: sono in arresto da ieri mattina  6 marzo, Giuseppe e Simone Santoleri, marito 67enne e figlio 43enne della pittrice anconetana scomparsa a Giulianova il 9 ottobre scorso e trovata cadavere a un centinaio di chilometri un mese dopo, quando il 10 novembre il suo cadavere in avanzato stato di decomposizione fu rinvenuto casualmente sulle rive del fiume Chienti nelle campagne di Tolentino. I due uomini, indagati a piede libero dalla prima ora, sono accusati di concorso in omicidio e soppressione di cadavere. Sono detenuti nel carcere nel carcere di Castrogno a Teramo, in Abruzzo, dove domani 8 marzo saranno sottoposti ad interrogatorio di garanzia per la convalida del fermo, durante il quale – com’è loro diritto – potranno anche avvalersi della facoltà di non rispondere. Tutta una serie di “indizi precisi e concordanti” per la Procura di Ancona hanno inchiodato gli indagati alle loro responsabilità, tra cui il video che ritrae la loro auto sovraccarica con all’interno dei cartoni (che verosimilmente avrebbero dovuto coprire il cadavere della donna, nascosto in auto dal giorno del delitto) diretta proprio verso Tolentino (dove fu rinvenuto il cadavere della pittrice) il 12 ottobre intorno alle 11:45.

Renata Rapposelli news: le nuove prove emerse contro ex marito e figlio arrestati ieri

ROBERTA RAGUSA figlio

Renata Rapposelli: il figlio cercò su internet informazioni sul caso Roberta Ragusa

Tra i vari indizi di colpevolezza, oltre alle celle telefoniche che collocano Renata Rapposelli in casa da loro a Giulianova dopo le 14 (orario in cui secondo il figlio la donna se ne sarebbe andata chiedendo all’ex coniuge di accompagnarla in auto fino a Loreto, dove in realtà non arrivò mai), e la testimonianza di una donna che ha sentito il figlio inveire verbalmente contro la donna durante una lite intorno alle 16:30, anche le ricerche web effettuate da Simone Santoleri dal suo pc. Da quel dispositivo infatti il 29 ottobre (13 giorni dopo che i carabinieri gli notificarono la scomparsa della madre denunciata da un amico) per due volte Simone effettuò delle ricerche online relative al caso Roberta Ragusa, la donna scomparsa misteriosamente da casa sei anni fa, il cui corpo non è mai stato ritrovato e per il cui presunto omicidio e distruzione di cadavere è stato condannato in primo grado a 20 anni di carcere il marito, Antonio Logli. Per gli inquirenti questa ricerca web è una prova schiacciante contro il figlio della pittrice, che va ad aggiungersi a tutto il corollario di indizi che proverebbe il suo coinvolgimento nella vicenda.

morte renata rapposelli news

Simone e Giuseppe Santoleri arrestati, i legali: “Faremo ricorso al Riesame”

Alla misura cautelare in carcere si opporranno certamente i difensori dei Santoleri, gli avvocati Gianluca Reitano e Gianluca Carradori, che insieme all’avvocato Alessandro Angelozzi difendono padre e figlio: “In questi mesi li avevamo preparati a questa eventualità trattandosi di un’indagine per omicidio. Sono abbastanza tranquilli, per quanto si possa esserlo in una situazione del genere”. A detta loro l’ordinanza d’arresto è debole e fa acqua da tutte le parti perché non corroborata da prove scientifiche che dimostrino che il cadavere della Rapposelli sia stato trasportato sulla vettura dei Santoleri, non prova come la donna sia stata uccisa né tanto meno che l’omicidio si sia consumato a Giulianova in casa dei due uomini. Scontata, dunque, la loro volontà di fare ricorso al Riesame.

18enne bosco lecco

Ragazza scomparsa nel Lecchese trovata in fin di vita in un bosco

Confronto TV annullato Renzi Di Maio

Elezioni 2018 risultati, alleanza Pd – M5s? Renzi e l’iniziativa #Senzadime