in

Renata Rapposelli news: l’inquietante messaggio premonitore all’amico prima di partire per Giulianova

Omicidio Renata Rapposelli ultime notizie: sappiamo che la pittrice anconetana di 64 anni prima di partire in treno da Ancona per Giulianova il 9 ottobre scorso, per incontrare il figlio, aveva dubbi e timori. Anzitutto perché da 8 anni non incontrava Simone Santoleri; tra loro c’erano stati tanti dissidi in passato, tanto che lui ha raccontato più volte davanti alle telecamere che “mamma era convinta che io fossi indemoniato e mi sottoponeva a pratiche esorcistiche”. A rendere oltremodo spinosa la situazione familiare anche i contrasti con l’ex marito Giuseppe, al quale la pittrice chiedeva l’assegno di mantenimento di 200 euro, come stabilito dal giudice, e gli arretrati per un ammontare di 3mila euro in totale. Contrasti per questioni economiche e caratteriali che avevano tenuto distanti la donna dal figlio e l’ex marito per 8 anni.

giallo renata rapposelli news

L’inchiesta sul delitto di Renata Rapposelli ha fatto emergere un antefatto davvero inquietante: Renata, seppur titubante, era venuta a sapere (forse dal marito) che Simone Santoleri era gravemente malato allo stomaco (di ciò tuttavia poi non si è avuto riscontro), per questo dopo aver tentennato, consultatasi con alcuni amici di una chat di preghiera (la donna era molto religiosa), aveva deciso di andare a trovarlo per sincerarsi sulle sue reali condizioni di salute. Così salì sul treno che intorno alle 13 del 9 ottobre scorso da Ancona la fece arrivare alla stazione di Giulianova, dove presumibilmente trovò l’ex marito ad attenderla in auto per portarla nella casa dove secondo la Procura la donna è stata uccisa quello stesso pomeriggio.

Leggi anche: Renata Rapposelli news: foto inedita che inchioda figlio ed ex marito (arrestati)

morte renata rapposelli news

Ora veniamo a sapere che Renata aveva più di qualche dubbio nei riguardi del figlio e dell’ex marito, e che le sue paure prima di intraprendere il viaggio erano serie e – come la triste realtà dei fatti ha dimostrato – più che fondate. “Usa sistemi strani per tornare con me, mi porterà dritta al cimitero”, questa è una frase che la pittrice avrebbe scritto ad un amico prima di recarsi dai due uomini quel maledetto giorno. Ne dà notizia il settimanale Giallo. Una esternazione a dir poco inquietante che presagiva l’atroce destino della donna, morta ammazzata proprio dai due uomini. “Caro Tony, ho saputo stamattina da mio marito che mio figlio Simone ha un tumore. Con mio marito non si sa mai dove sta la verità, a volte usa dei sistemi strani per indurmi a ritornare con lui, ma quella è una croce che mi porta dritta al cimitero”. E infatti forse quella era una trappola mortale, tesale per indurla con un pretesto ad andare a Giulianova dai suoi aguzzini. Se tale indiscrezione venisse confermata dalla magistratura inquirente, ai due indagati, arrestati lo scorso 6 marzo con l’accusa di omicidio in concorso e soppressione di cadavere, potrebbe dunque essere anche contestata la premeditazione.

Akash Kumar a Ballando con le Stelle 2018: non è questa la sua vera identità?

Inter-Lazio highlights Serie A

Diretta Sampdoria – Inter: dove vedere in TV e web gratis la sfida di Serie A