in

Renata Rapposelli strangolata: passo falso del figlio in cella, terrificante confessione

Omicidio Renata Rapposelli ultime notizie: ieri 11 luglio 2018 il programma Chi l’ha visto? ha dato conferma di una indiscrezione di cui UrbanPost aveva già parlato il 31 maggio scorso. Il figlio della vittima, Simone Santoleri, avrebbe iniziato “implicitamente” a fare e prime ammissioni in carcere. In sostanza l’uomo – tratto in arresto insieme al padre Giuseppe lo scorso 6 marzo, con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere – parlando con due detenuti in cella avrebbe parzialmente ricostruito cosa accadde a Giulianova il giorno che la madre fu uccisa.

giallo di giulianova news

“Se quel giorno non avessi perso la testa ora non sarei qui” – avrebbe detto loro raccontando l’accaduto – “Quella put*** di mia madre mi ha rovinato la vita e continua a farlo anche da morta”, avrebbe detto Simone Santoleri durante uno sfogo verbale incontrollato durante il quale a domanda ‘Ma l’hai uccisa u?’, avrebbe risposto facendo cenno di sì con la testa e nel contempo facendo con le mani il gesto dello strangolamento. Insomma, il parziale racconto collimerebbe con al ricostruzione fatta dalla Procura: la pittrice sarebbe stata strangolata in casa dei due uomini a Giulianova, dove era giunta da pochi minuti, al culmine di una lite scaturita per pregresse questioni economiche.

Leggi anche: Renata Rapposelli news cause morte: è arrivata la prima certezza

omicidio renata rapposelli news

Secondo gli inquirenti i due detenuti che hanno riferito questi dettagli non avrebbero avuto ragioni per mentire né nutrito astio nei confronti di Simone Santoleri. Si tratta di due ex compagni di cella del carcere di Teramo dove Simone era detenuto (insieme al padre) per un breve periodo prima di essere trasferito “per ragioni di sicurezza” in quello di  Lanciano. I due indagati negano di avere ucciso Renata Rapposelli, sebbene gravi indizi di colpevolezza a loro carico siano stati raccolti dalla magistratura inquirente, che ha disposto la custodia cautelare in carcere ravvisando il serio rischio di inquinamento delle prove, in particolare da parte del figlio della pittrice. L’ex marito Giuseppe Santoleri, accusato di omicidio in concorso, sarebbe totalmente succube di suo figlio.

5G in Italia: dove, quando e cosa cambia per i consumatori

Riforma Scuola 2018, ecco il nuovo programma scolastico: cosa cambia con Bussetti