di Antonio Paviglianiti in

Replica Adesso Tocca a me film Paolo Borsellino: come vedere il video integrale


 

Replica Adesso tocca a me film su Paolo Borsellino con Cesare Bocci, come vedere il video integrale del docu-film andato in onda su Rai1

Adesso Tocca a me film su Paolo Borsellino andato in onda ieri, 19 luglio 2017, su Rai1 in occasione dell’anniversario della strage di via d’Amelio. Come vedere il video integrale del film con Cesare Bocci protagonista? Ecco tutti i consigli per chi si fosse perso il film dedicato al compianto magistrato.

>>> Tutte le news con UrbanPost <<<

Per vedere la replica di Adesso Tocca a me film su Paolo Borsellino basterà avere una connessione internet stabile. Collegarsi alla rete e accedere, tramite smartphone, tablet o pc, al portale www.raiplay.it dove sarà possibile rivedere il film Adesso tocca a me.

Adesso tocca a me: trama e cast del film Rai

Il film è un mix di fiction con la ricostruzione della vita del magistrato e di testimonianze, di interviste, e di filmati dell’epoca. Nel luogo dove dove avvenne la strage abitava la madre di Paolo Borsellino presso la quale il giudice si era recato per una visita domenicale. Filo conduttore del racconto saranno i ricordi di Antonio Vullo, l’unico agente della scorta sopravvissuto alla strage, che con la sua voce narrante offrirà uno sguardo privilegiato a tutta la vicenda. Con il soggetto e la sceneggiatura di Sandrone Dazieri, in Adesso Tocca a me, insieme a Cesare Bocci,  ci saranno: Giulio Corso, Ninni Bruschetta, Anna Ammirati. La regia è di Francesco Miccichè. Una coproduzione Rai Fiction e Aurora TV.

>>> Tutto sul mondo della TV <<<

Cesare Bocci: “Quanto timore essere Paolo Borsellino”

Cesare Bocci ha evidenziato come: “Quando ci si confronta con personaggi reali si sente sempre una grossa responsabilità. Qui la mia faccia viene messa direttamente a confronto con quella di Paolo Borsellino. Avevo un innegabile timore. Abbiamo cercato di cogliere gli aspetti del viso di Borsellino che ci avrebbero aiutato. Ma non è stata tanto la mia trasformazione fisica, quanto piuttosto la ricostruzione, il mixare documenti reali e fiction in maniera puntuale e magistrale, a fare la differenza. Poi se anche gli assomigliassi un decimo per la sua moralità sarei l’uomo più felice al mondo”. L’attore è sicuro: “Quel tipo di mafia lì ha perso, perché c’è stato il risveglio delle coscienze di tanti giovani, non solo siciliani”. “Vinceva la paura con la sua positività”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanSpettacolo

Leggi anche

Commenta via Facebook

I nostri Quiz

Speciale Venezia 2015