di Monia Trentarossi

Restare Giovani con la Dieta Antiaging


 

Un’alimentazione scorretta e sbilanciata può accelerare il processo di invecchiamento. Quali sono gli alimenti da limitare? e quelli di cui abbondare?

Dieta Mediterranea

“Un’alimentazione scorretta praticata per lungo tempo induce nell’organismo uno stato infiammatorio”, spiega Timothy Harlan, MD, professore alla Tulane University School of Medicine, e autore di “Just Tell Me what to eat!”. Cibi poveri di qualità, causano infiammazione e l’invecchiamento è uno stato infiammatorio cronico. Ne consegue che si può apparire più vecchi perché si sta mangiando male!”

Una dieta scorretta può favorire dunque una serie di malattie, come le malattie cardiache e il diabete, ma anche danneggiare il collagene e le fibre della pelle. Ecco dunque cinque esempi di alimenti da limitare per rimanere il più giovane possibile:

Cibi fritti. Tutto ciò che è fritto in olio è pieno di grassi trans, che contribuiscono al processo infiammatorio.

Dolci. Anch’essi ad alto contenuto di grassi trans e zucchero, responsabili di infiammazione.

Salumi e carni trasformate. Oltre ai grassi saturi, contengono nitrati, che contribuiscono anch’essi al processo infiammatorio.

Carni rosse. Più magra è la carne, meglio è. Per questo motivo vanno preferite le carni bianche.

Uno/due bicchieri d’alcool al giorno sono salutari, di più sono dannosi.

Ancora più importante, secondo il professor Harlan, è seguire una dieta ricca di cibi di alta qualità, che favorisce un maggior benessere e contrasta l’invecchiamento. Un’alimentazione di tipo mediterraneo, ricca di verdure, frutta, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi e proteine magre è la scelta migliore per la salute.

Alimentazione Sana Dieta Antiaging

Ecco dunque una lista di alimenti chiave nella dieta mediterranea:

Verdura verde. Ricca di vitamine A e C, vitamine antiossidanti che aiutano a combattere l’infiammazione.
Pomodori. Sono particolarmente ricchi di un antiossidante: il licopene.
Salmone. Insieme con pesci di acqua dolce come il tonno e l’aringa, il salmone è ricco di acidi grassi omega-3, che favoriscono il benessere cardiocircolatorio.
Legumi. Sono una delle fonti preferite di proteine e sono ricchi di fibre e vitamine antiossidanti.
Cereali integrali. Contribuiscono a ridurre l’infiammazione; contengono anche vitamine del gruppo B, come la tiamina e riboflavina, importanti per la pelle.

In conclusione, è necessario alimentarsi correttamente e regolare le quantità di nutrienti: zuccheri, grassi, proteine e vitamine. Il rischio di una dieta squilibrata è che l’organismo non sia in grado di produrre nuove cellule sane nel modo in cui dovrebbe.

photo credit: nociveglia via photopin cc

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Correlati

Commenta via Facebook