di Stephanie Barone in

Riscaldamento: qual è la temperatura ideale da tenere in casa?


 

Qual è la temperatura ideale da tenere in casa durante l’inverno con il riscaldamento acceso? Ecco alcune linee guida per stare al caldo e in salute.

riscaldamento, temperatura in casa, quanti gradi avere in casa, umidità in casa,

Riscaldamento: come difendersi dal freddo in casa

L’Italia in questi primi giorni del 2017 è entrata nella morsa del freddo, dopo un inizio di inverno relativamente mite. Da diversi giorni le temperature non si spostano dallo zero e in molte zone del Paese la neve cade abbondantemente. Difendersi dal freddo, in casa come all’esterno, certamente non è facile ma nemmeno impossibile. Molto ad esempio si può fare mantenendo con il riscaldamento una giusta temperatura all’interno della propria casa, senza esagerare con il caldo o il freddo per evitare problemi di salute. Qual è quindi la temperatura ideale da tenere in casa con il riscaldamento acceso?

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci sulla nostra pagina Facebook!

Riscaldamento: come scegliere la temperatura ideale per ogni stanza della casa

Come ha recentemente ricordato sul proprio sito ufficiale il Ministero della Salute, la temperatura ideale da tenere in casa durante il periodo invernale è tra i 18 e i 22 gradi. La scelta della temperatura non dipende solo dal tipo di stanza della casa in cui ci si trova ma anche da chi vi abita. Se ad esempio ci sono anziani o persone inferme che stanno molto ferme, è meglio mantenere la casa più calda. Qual è la temperatura da tenere regolarmente nelle stanze in questo periodo?

Per quel che riguarda la cucina ad esempio, che si scalda facilmente con forno e fornelli accesi, si può mantenere la temperatura dei riscaldamenti a 18 gradi mentre nel soggiorno, dove si trascorre più tempo e in modo sedentario, si può salire fino a 20 gradi. Meglio invece mantenere una temperatura più bassa nelle camere da letto, anche a 16 gradi; una temperatura troppo alta oppure la presenza di aria eccessivamente secca può portare a fastidi alle vie respiratorie. Per mantenere senza difficoltà diverse temperature nelle varie stanze della casa, è possibile installare le valvole termostatiche: ecco di cosa si tratta.

=> Cercate dei consigli per risparmiare sul riscaldamento? Ecco come fare

Riscaldamento: termosifoni accesi sì, ma attenzione all’umidità

Ad ogni modo, anche con il riscaldamento acceso, in tutta la casa è bene mantenere un’umidità costante che faciliti la respirazione e il giusto lavoro delle mucose nelle vie respiratorie. Il livello migliore sarebbe tra il 45 e il 50%. Al di sotto del 20% infatti causa secchezza alle vie respiratorie e potrebbe produrre infiammazioni mentre oltre l’80% fa percepire sia il caldo che il freddo troppo intensamente, senza contare che induce alla formazione di muffa in casa (qui alcuni consigli per liberarsene).

Tra le buone abitudini da non perdere, malgrado il freddo, c’è quella di arieggiare la casa almeno una volta al giorno per un quarto d’ora in modo tale da far circolare l’ossigeno e umidificare l’aria ma anche di evitare di voler stare in casa poco scoperti. Meglio, per le proprie tasche, per la salute ma anche per l’ambiente, indossare un maglione in più in casa ma mantenere il riscaldamento a una temperatura più bassa. In questo modo il corpo sentirà meno lo sbalzo quando uscirete all’aperto.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...