in

Risparmiare in tempi di crisi, investire in Titoli di Stato

Cosa sono i Titoli di Stato? Emessi in maniera periodica dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, per conto dello Stato, sono formulati in 5 diverse categorie:

  • Buoni ordinari del Tesoro (BOT)
  • Certificati del tesoro Zero coupon (CCT)
  • Btp Italia
  • Buoni del tesoro poliennali (BTP)
  • Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’Inflazione Europea (BTPE)

I risparmiatori possono acquistare titoli di stato in due modi, sia in asta, cioè al momento dell’emissione, sia sul mercato secondario, dove vengono quotidianamente scambiati, per entrambi le modalità è necessario rivolgersi alla propria banca, o a un intermediario finanziario abilitato, e soprattutto di fiducia.

Per quanto riguarda la sottoscrizione in asta, essa ha il vantaggio di non pagare commissioni per tutti i titoli di Stato tranne che per i BOT. L’importo minimo acquistabile è di 1.000 euro. Attualmente per semplificare la gestione dei titoli, lo stato ha preferito eliminare il formato cartaceo, inserendo la registrazione mediante iscrizioni contabili.

Per il mercato secondario, cioè l’acquisto di titoli già in circolazione, le banche e gli altri intermediari sono liberi di applicare commissioni che devono essere sempre indicate ma possono anche godere del diritto di negoziazione. In questo modo, chi possiede dei titoli, ha facoltà di poterli rivendere prima della loro scadenza.

Per acquistare i titoli di stato dal mercato secondario, bisogna rivolgersi al “MOT” ossia il (Mercato telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato), dove il cittadino attraverso l’intermediario finanziario può sia comprare che vendere titoli di stato. Attualmente questo mercato è gestito dalla Borsa Italiana. In entrambi i casi, chi detiene Titoli di Stato ha bisogno di aprire un conto titoli presso il proprio intermediario.

Erogazione degli interessi. Gli interessi, cioè il guadagno che si ricava dai Titoli vengono erogati alla scadenza del titolo stesso, la riscossione degli interessi e del capitale avviene tramite accredito, come dicevamo, grazie al “deposito Titoli” collegato con il conto corrente personale.

Written by Vincenzo Iozzino

Classe 82, giornalista e pubblicista dal 2005, ha collaborato con diverse importanti redazioni, tutt'ora porta avanti un progetto personale editoriale creato ed aministrato da lui. E' attratto principalmente dalla scrittura creativa, le cui conoscenze sono state approfondite pesso la facoltà di Cultura ed amm. dei Beni Culturali di Napoli, dove si è formato. Campano, vive a Gragnano, territorio montuoso che lui definisce "braccia dell'angelo", una vera vocazione che lo ha spinto ad appassionarsi al Running ed al Trekking, e nel 2012 diventa istruttore di Atletica leggera. Vive con una meravigliosa moglie e due splendidi bambini.

Carosello torna su Rai 1 a marzo

Scandalo Mps, nuove perquisizioni per Mussari e Vigni