in

Riusciranno i nostri eroi, Max Giusti non è riuscito a riportare il varietà su Rai1

Doveva essere il ritorno del varietà sulla prima rete, per di più prodotto internamente dalla Rai e invece no. I nostri eroi non ci sono riusciti Max Giusti e Giancarlo Leone in primis, ma il programma era difficilmente definibile come un varietà per via della sua struttura, della scenografia e dei conduttori.

Riusciranno i Nostri Eroi

Il tentativo era giusto farlo e la Rai ha fatto bene ma il risultato non è stato quello sperato, “l’uomo dei pacchi” si è dimostrato inadatto a condurre un varietà nonostante la buona volontà e gli ascolti l’hanno dimostrato: il varietà è partito con il 17% di share scendendo al 12% nell’ultima puntata.

La scenografia non sembrava quella degli storici varietà che rivediamo a “Da Da Da” o a “Techetechetè”, show che andavano in onda da degli studi che diventavano dei teatri, o dal Teatro delle Vittorie, dal Foro Italico. Proprio da questo studio andava in onda “Riusciranno i nostri eroi”, programma che non ha valorizzato il Foro tanto da farlo sembrare più piccolo, con una scenografia che sembrava un misto tra quella di uno show di Chiambretti e quella di un game show da preserale.

Max Giusti avendo nel suo contratto la possibilità di fare un varietà in prima serata e ha fatto bene a tentare di riportare questo storico genere sulla prima rete ma nonostante gli autori e gli ospiti prestigiosi di “Riusciranno i nostri eroi” il pubblico non ha apprezzato.

La conclusione in poche righe è che il varietà non è morto ma non è per tutti, e De Sica, che tra marzo e aprile andrà in onda su Rai 1, è avvisato.

Written by Tommaso Tiepolo

Nato a Mirano (VE), classe 1993.

Blogger, studente, atleta, fotografo e sbandieratore. Appassionato di televisione, un piccolo curriculum che va da: analista del programma RAI Tv Talk, stagista a Rete Veneta come montatore e cineoperatore, autore per il sito Fanpage e adesso blogger per Urban Post.

Ogni tanto bazzica per Rai2 a L'ultima parola, dove partecipa all'anteprima web e in trasmissione come pubblico; non solo preferisce andare come semplice spettatore a Quelli che trasmissione preferita da quando a condurla c'è Victoria Cabello.

Il suo sogno? Fare la televisione!

Lucian Freud, l’artista amato da regine e principesse.

La nuova rivolta in Tunisia: ecco come è andata