in

Roberta Ragusa: figlio Daniele avanza ipotesi sul perché la mamma (ancora viva) non torni a casa

Caso Roberta Ragusa: il marito Antonio Logli ieri 14 marzo 2018 è stato condannato a 20 anni di reclusione anche in Appello. Suo figlio maggiorenne, Daniele Logli, è dalla sua parte. Dopo 6 anni di silenzio assoluto in cui mai si è esposto, ora il 20enne esce allo scoperto. Non solo ha depositato tramite i suoi legali una memoria difensiva in favore del padre, ma lo sta sostenendo moralmente in tutto il percorso giudiziario dal quale sperava ieri potesse uscire “assolto”. Così non è stato, come sappiamo, e l’iter processuale porterà l’uomo dritto in Cassazione.

Roberta Ragusa news processo logli

Daniele Logli difende il padre strenuamente, si dice convinto che non potrebbe mai essersi macchiato dell’omicidio della sua mamma, smentendo che la notte della scomparsa della donna i genitori litigarono davanti la sua camera da letto (ipotesi dell’accusa). Il ragazzo era a letto e dormiva, dice di non avere udito niente di sospetto, e che quindi suo padre viene accusato ingiustamente di un delitto di cui non si è macchiato. Una presa di posizione chiara e netta, la sua, supportata anche da un’altra memoria difensiva della sorella minore, che ha sottoscritto le sue parole, dando pieno appoggio al padre.

Leggi anche: Antonio Logli condannato news: Roberta Bruzzone commenta la sentenza e si pronuncia sulla Cassazione

roberta ragusa figlio

Se dunque i ragazzi pensano che la madre non sia stata uccisa, la logica porta a pensare che entrambi reputino plausibile che la loro mamma, sempre presente fino a quel momento nella loro vita, amorevole e premurosa, di punto in bianco una notte abbia deciso di piantarli in asso, abbandonarli senza una spiegazione uscendo di casa in pigiama in una fredda notte d’inverno, senza mezzi e per andare chissà dove. E così stanno le cose: Daniele Logli pensa che sua mamma Roberta abbia abbandonato lui e sua sorella. Ieri nelle ore precedenti la sentenza ne abbiamo avuto l’ennesima conferma. Francesca Carollo inviata dal tribunale di Firenze per Quarto Grado, ha infatti riferito che “Le cugine di Roberta ci hanno raccontato che Daniele Logli è convinto che la mamma se ne sia andata volontariamente e non torni per il clamore mediatico”. Viene da chiedersi allora perché, se convinto che la mamma sia viva da qualche parte non si impegni a diramare appelli per cercarla, per invitarla a tornare a casa da lui e sua sorella.

Contratto di Governo Lega – M5S, Reddito di cittadinanza: ecco quanto costerebbe allo Stato

ultimi sondaggi elettorali 15 maggio 2018

Ultimi sondaggi elettorali, Ipsos: le percentuali dei partiti se si votasse oggi