in

Roberta Ragusa processo d’appello: sentenza rinviata

Ci sono novità sulla scomparsa di Roberta Ragusa e sul processo d’appello ad Antonio Logli previsto per oggi, mercoledì 28 marzo 2018. Il verdetto, atteso per il tardo pomeriggio o la serata di oggi, è stato rinviato al prossimo 14 maggio. Nella nuova udienza verrà dato spazio  anche a possibili repliche perché nell’aula 31 della Corte d’assise d’appello dopo circa 9 ore non tutti sono riusciti ad avere parola. L’avvocato Cavani, difensore di Antonio Logli, spiegando perché il marito della donna sarebbe estraneo alla vicenda, si è dilungato per oltre tre ore e successivamente l’udienza è stata interrotta e rimandata alla metà del mese di maggio.

roberta ragusa news

Roberta Ragusa processo d’appello: alta tensione

La tensione è stata altissima durante tutta la giornata. All’arrivo in tribunale, assediato dai cronisti, ma scortato dai suoi avvocati, Antonio Logli dopo essere inciampato è quasi caduto a terra. Sui volti scuri ed  impassibili di Logli e dei suoi difensori, però, sia questa mattina che questa sera non si è potuta leggere alcuna emozione che fosse in grado di far capire come fosse andata in aula e quale fosse l’umore generale. La tensione continuerà ancora a rimanere piuttosto alta. Dopo lo scorso 21 dicembre 2016, il secondo giorno del giudizio per Antonio Logli è stato rimandato. Logli dovrà ripresentarsi davanti la Corte d’Assise d’Appello, Palagiustizia di Novoli a Firenze.Quale sarà la decisione del presidente Maria Cannizzaro, del giudice a latere Silvia Mugnaini e dei sei giudici popolari. Riusciranno gli avvocati dell’uomo a ribaltare la condanna a 20 anni per omicidio volontario e distruzione di cadavere inflitta nel dicembre 2016 dal gup del Tribunale di Pisa, Elsa Iadaresta?

ROBERTA RAGUSA figlio

Roberta Ragusa processo d’appello: le decisioni odierne

Oggi, durante l’udienza, la difesa di Antonio Logli ha chiesto l’assoluzione per non aver commesso il fatto. Per la procura generale, invece, si attende la conferma della condanna a 20 anni inflitta a Logli a dicembre 2016. E’ stata, chiesta, però, anche la custodia in carcere immediata. Logli, giunto in aula con il figlio, che ha presentato una memoria in cui sostiene la sua innocenza, si è visto respingere un documento analogo della figlia. Non sono stati sentiti, infine, e non lo saranno nemmeno a metà maggio, i testimoni chiesti dalla difesa.

Livorno, esplosione al porto: morti due operai, Lorenzo di 25 e Nunzio di 52 anni

scomparsa a bordighera

Paola Gambino scomparsa a Bordighera: nuovo appello del figlio, novità sulle ricerche