in

Roberto De Luca indagato, guai per il figlio del Governatore della Campania: appalti sui rifiuti, perquisizioni a casa e in ufficio

Nella tarda serata di ieri Roberto De Luca, assessore al Bilancio a Salerno e figlio del presidente della Regione Campania, è stato perquisito su disposizione della Procura di Napoli. Il figlio del presidente della Regione è accusato di corruzione: i magistrati stanno indagando su un video di Fanpage dove De Luca junior discute con un finto un imprenditore che si proponeva per un appalto di smaltimento delle ecoballe. Agenti della squadra mobile e dello Sco hanno perquisito la scorsa notte l’abitazione e lo studio professionale di De Luca junior.  Nelle stesse ore gli agenti dello Sco e della squadra mobile hanno eseguito anche altre perquisizioni.

Leggi anche: Tutte le curiosità sulle elezioni politiche 2018

Elezioni 2018, indagato il figlio di De Luca: le info sull’inchiesta

Le indagini sono coordinate dal procuratore Giovanni Melillo con il procuratore Giuseppe Borrelli e i pm Ilaria Sasso del Verme, Sergio Amato, Celeste Carrano, Henry John Woodcock e Ivana Fulco. Secondo l’accusa al centro dell’inchiesta ci sarebbero gli affari relativi allo smaltimento delle ecoballe, proprio il settore di strategica bonifica ambientale su cui il presidente della Regione aveva puntato la sua missione, con il sostegno del governo Renzi. Roberto De Luca è il commercialista che è stato nominato assessore al bilancio al Comune di Salerno mentre il fratello Piero, l’avvocato, è candidato alla Camera. Al centro dell’inchiesta sulle ecoballe ono finiti anche l’impiegato della Sma, distaccato presso la segreteria di Passariello, Agostino Chiatto, il consigliere delegato della Sma Lorenzo Di Domenico, con imprenditori e professionisti. Come riporta La Repubblica  al centro dell’affare ci sarebbe “l’affidamento di un appalto sul servizio smaltimento dei fanghi provenienti da cinque diversi depositi di stoccaggio”. In cambio, sarebbero state versate “somme di denaro calcolate in percentuale sui guadagni dell’affidamento”.

Roberto De Luca indagato, il Governatore difende così il figlio

“Cari ragazzi, pensate alle giovani generazioni e agli asili nido e non vi preoccupate delle effervescenze”. Risponde così ai giornalisti, a margine di una conferenza stampa sulle politiche sociali, il presidente della Campania Vincenzo De Luca alla domanda se essere ‘figli di’ è più difficile in questo momento. Il riferimento era sia all’inchiesta nella quale è coinvolto il figlio Roberto, sia a una presunta incompatibilità ambientale per il procuratore capo di Salerno, Corrado Lembo, alla luce della candidatura a sindaco di Campagna (Salerno) del figlio Andrea.

Assunzioni Ferrovie dello Stato febbraio 2018: posizioni aperte per addetti assistenza clienti, ecco requisiti e domanda

Capitale italiana della cultura 2020: 5 cose da vedere a Parma